La Valdelsa è una zona della Toscana dalle caratteristiche uniche, qui ritroviamo infatti le peculiarità del clima continentale, in cui gli influssi marittimi del Tirreno si uniscono a quelli montani dell’Appennino.

Nella loro azienda, a Gambassi Terme, incontro Manuela e Michele, novelli sposi ed eredi di due tradizioni viticole importanti: quelle dei toscanissimi Tamburini e quelle dei friulani Jermann.

Cinquanta ettari, tra cui vigneti nel Chianti e a Montalcino, l’Azienda Agricola Tamburini, posta a circa 250 s.l.m., alleva Sangiovese, Merlot, Cabernet Sauvignon, Petit Verdot, Canaiolo, Colorino, Trebbiano e Malvasia Toscana insieme a circa 1000 piante di ulivo che restituiscono un olio dai piacevoli sentori erbacei.

“Un vino è buono quando non ti stanca, credo che i nostri vini siano il connubio perfetto tra toscanità e la convivialità, sono vini nati per il cibo, il nostro, quello toscano.” Mi racconta Emanuela Tamburini – “Mio padre ha sempre avuto la passione per la campagna, è grazie a lui se questa azienda ancora oggi è produttiva. Era nata per vendere vino sfuso, oggi si è trasformata in una moderna cantina con molte etichette, tutte da scoprire.”

I terreni prevalentemente argillosi e il clima ventilato permettono una perfetta maturazione delle uve, anche in annate molto calde come quella del 2021, in cui la carenza di piogge ha fatto soffrire le piante in gran parte della Toscana.

“Sono friulano di origine e cresciuto all’interno di un’importante realtà vinicola,” – mi racconta Michele – “ho accettato una sfida importante, immergendomi completamente nella realtà toscana e mettendo in gioco le mie competenze e la mia esperienza in un contesto nuovo e dinamico.”

Oggi l’azienda agricola Tamburini produce una ampia gamma di vini sia bianchi che rossi, ultimo nato il Rosato TJ (di cui ho parlato in questo articolo) il rosato made in Valdelsa che celebra la piccola Mariadele, nata da l’amore tra Michele e Emanuela (M.E.M.).

NOTE DI DEGUSTAZIONE:

Castelluccio 2020

Trebbiano e Malvasia Toscana, di colore paglierino con riflessi verdognoli, al naso sentori di pompelmo, erbe officinali, lavanda e pesca bianca. Palato fresco e vivo, con richiami al lime e una bella e accesa mineralità sul finale.

The Boss, Chianti 2018

Sangiovese e Canaiolo, di colore rubino con riflessi porpora, naso carnoso di frutta matura, viola, lavanda e note di ribes. Sorso vivace e tannino vigoroso, chiude con richiami alle fragole di bosco e alla mora.

Massiccio 2015

Sangiovese e Merlot, di colore rubino con riflessi porpora, al naso frutta matura, viola mammola, marasca e una piacevole nota speziata sul finale. Sorso ricco e composto, di buona acidità e una piacevole chiusura con richiami al caffè.

Italo, Chianti Riserva 2016

Sangiovese, Canaiole e Colorino, di colore rubino intenso con riflessi aranciati, al naso frutta rossa matura ma anche mora, lavanda, richiami al rosmarino e alla macchia mediterranea. Sorso vivace e fresco, frutto croccante e spalla acida piena e importante.

Moraccio 2016

Sangiovese, Merlot e Petit Verdot, di colore rubino con riflessi porpora, naso ricco di frutta scura matura, note balsamiche e lavanda. Palato brioso e fresco, materia dolce e persistente, in chiusura richiami al caffè e al cioccolato. Un vino dal deciso carattere internazionale.

Somnio, Brunello di Montalcino 2016

Sangiovese grosso 100%, di colore rubino intenso con riflessi aranciati, al naso frutto intenso ed inebriante accompagnato da note tostate, sentori di cuoio e caffè ma anche macchia mediterranea e piacevoli sentori balsamici. Palato complesso e vivace, tannino ben strutturato, chiude con richiami al cioccolato amaro.

Michele e Emanuela sono due splendide persone che non solo come coppia ma anche professionalmente sanno integrarsi perfettamente, e che sono sicuro, riusciranno a dare un grande impulso alla loro azienda agricola.

close
adv