Marzocco di Poppiano: tradizione, storia, territorio e passione [VIDEO]

L'azienda sorge sulla collina di Poppiano, nata nel 1975 dal 2014 Robera Chini e Maurizio Mazzantini hanno avviato un nuovo progetto rivolto all'imbottigliamento, partito dalla zonizzazione dei terreni ed il censimento dei cloni aziendali. Oggi producono sei referenze, composte da due Chianti Colli Fiorentini, tre IGT, ed un Vin Santo del Chianti.

154

L’antico insediamento medievale di Poppiano sorge sulle colline di Montespertoli (300 mt s.l.m) a pochi chilometri da Firenze. L’azienda Marzocco di Poppiano si trova nel territorio del Chianti Colli Fiorentini e nasce nel 1975, quando Alberto Chini e sua moglie Meri Lori acquistarono dalla famiglia Conti Guicciardini Corsi Salviati i poderi Marzocco, Pretale e La Massa. L’intero podere si estende per circa 70 ettari, dei quali 35 vitati e 8 dedicati a uliveti per la produzione di Olio Extra Vergine di oliva IGP Toscano.

Grazie all’impegno di Roberta Chini e Maurizio Mazzantini, dal 2014 l’azienda inizia un nuovo percorso rivolto all’imbottigliamento, che inizia dalla zonazione dei terreni e il censimento dei cloni aziendali. Fra gli altri vitigni presenti, sono stati individuati quattro cloni di Sangiovese, un Canaiolo degli anni ’50, un Trebbiano Toscano e una Malvasia lunga del Chianti. Agli autoctoni si uniscono alcuni vitigni internazionali, come il Cabernet Sauvignon e il Merlot. 

“Il nostro clone di Canaiolo regala dei vini così intensi, pieni di corpo e di aromi: è un pezzo del mio cuore e una parte va a costituire il nostro Pretale” – racconta Roberta.

Marzocco di Poppiano è un’azienda che si basa sulla tutela del territorio e della pianta stessa, infatti, solo i grappoli migliori vengono selezionati e vinificati per dare vita a vini IGT e DOCG riconosciuti e premiati.

“La nostra raccolta è solo manuale”- prosegue Roberta – “facciamo sempre una doppia cernita delle uve che provengono da quelle che secondo noi sono le vigne migliori, prima selezionando i grappoli e successivamente un secondo controllo, acino per acino”.

L’impegno più grande di Roberta e Maurizio è nella continua ricerca di leggerezza ed equilibrio nel calice, musica e ritmo che si coniugano sempre alla perfezione, rivolgendo costantemente lo sguardo alla qualità e all’identità dei loro vini, senza compromessi.

“Una volta selezionate le uve, arrivano in cantina dove inizia il nostro protocollo di vinificazione” – racconta Maurizio – “Durante la fermentazione in tini d’acciaio, effettuiamo vari dèlestage al fine di avere una maggiore estrazione di sostanze ed aromi.”

Per il Sangiovese viene utilizza la botte grande, come da tradizione chiangiana – “A nostro avviso è il contenitore che valorizza al meglio il nostro Sangiovese, con il giusto mix tra il rilascio di aromi dal legno e il rispetto di quelli primari e secondori” – commenta Maurizio.”

La produzione d Marzocco di Poppiano è composta da sei referenze: Il Lancere, Chianti Colli Fiorentini, Chianti Colli Fiorentini Riserva, Il Pretale, La Vigna del Leone ed il Vin Santo di Meri.

Previo appuntamento, Roberta e Maurizio sono ben lieti di accogliere visitatori a Poppiano per visite guidate e degustazioni dei loro vini ed olio, per vivere un’esperienza di autentica ospitalità fiorentina.

Roberta Chini, Milko Chilleri, Maurizio Mazzantini, Sara Cintelli
Roberta Chini, Milko Chilleri, Maurizio Mazzantini, Sara Cintelli

Riferimenti:
Marzocco di Poppiano
azienda@marzoccodipoppiano.it | +0555535259

close