San Giorgio a Lapi, sei etichette che emozionano [VIDEO]

L'azienda Agricola San Giorgio a Lapi si trova a soli 6 km dal centro storico di Siena, 70 ettari di proprietà della famiglia Simoni, che dal 1977 produce vini Chianti Colli Senesi e Chianti Classico.

244

Nel corso dell’ultimo Vinitaly abbiamo incontrato gli amici di San Giorgio a Lapi (SI) azienda agricola a carattere famigliare di proprietà della famiglia Simoni.

“La nostra azienda si trova nella zona di confine tra due territori, quello dei Colli Senesi e quello del Chianti Classico” – ci racconta Luca Simoni – “il nostra Sangiovese ha due sapori diversi, caratteristica dovuta proprio dai due tipi di terreno dove alleviamo i nostri vigneti.”

La storia di San Giorgio a Lapi inizia intorno agli anni 50, quando Ermete Simoni nonno di Luca e dei suoi 4 fratelli, acquista i terreni in provincia di Siena, ampliando l’attività di produttore di vino già attiva in Trentino.

Peculiarità dell’azienda è quella di produrre vini solo con uve autoctone come il Sangiovese il Colorino e il Canaiolo, abbinati a questi troviamo anche il Teroldego, che il nonno di Luca e dei suoi fratelli, porto in Toscana.

Il “Fiore di Maggio” è il bianco di entrata di San Giorgio a Lapi, prodotto con uve Trebbiano, Malvasia e Malvasia di Candia, ogni uva restituisce una caratteristica a questo vino: il Trebbiano l’acidità, la Malvasia la morbidezza e la Malvasia di Candia i profumi.

Un vino che al naso esprime una grande ricchezza floreale composta da fiori bianchi, lavanda e sentori di miele. Al palato non aggredisce, si distingue per la spiccata morbidezza.

Una delle nuove etichette presentate al Vinitaly è il “Sangiovese Rosato” – “Una scommessa vinta, in questo vino troviamo tutti i profumi del Sangiovese vinificato in bianco” – ci racconta Luca – “un lavoro che parte in vigna con una raccolta anticipata dei grappoli integri mantenuti ad una temperatura non superiore ad i 7°. Segue una vinificazione a 14° che preserva tutti i sentori floreali e fruttati dell’uva.”

Un rosato che al naso esprime sentori di fragoline di bosco, lamponi, aromi di mentuccia e lavanda. Al palato stupisce per freschezza e struttura, un vino che può essere abbinato anche a pietanze più importanti.

Il primo rosso che andiamo ad assaggiare è il “Chianti Colli Senesi 2020”, i vigneti di questo vino crescono in terreni argillosi e sabbiosi, che restituiscono al vino uno spiccato carattere fruttato.

“Frutta croccante appena raccolta dall’albero” – ci racconta Luca – “bella, fresca e acida, abbinata a sentori floreali come quelli della viola mammola.”

Scopriamo “Chianti Classico 2019” di San Giorgio a Lapi, dove troviamo il Sangiovese abbinato al Colorino e Canaiolo allevati in terreni ricchi di Galestro e Alberese che donano una spiccata sapidità al vino.

“Al naso si apprezzano subito sentori speziati di pepe, abbinati piacevoli note floreali e frutti rossi” – ci racconta Luca – “la 2019 è una delle più bella annate che abbiamo avuto nell’ultimo secolo, insieme alla 2016.”

Al sorso questo Chianti Classico 2019 si fa apprezzare per il suo carattere minerale e la piacevole materia e croccantezza di frutto.

Ermete” è la riserva di San Giorgio a Lapi, il blend di Sangiovese e Teroldego, un vino che nasce dal connubio tra il vitigno Toscano Sangiovese ed uno dei vitigni più rappresentativi del Trentino.

“Questo vino porta il nome di nostro nonno Ermete” – ci racconta Luca – “che, come dicevamo, portò in Toscana il vitigno Teroldego, al quale noi abbiamo dedicato un ettaro all’interno della nostra azienda: unito al Sangiovese ha creato un vino unico.”

Concludiamo gli assaggi con la Riserva 2018 “La Bandecca“, un Chianti Classico che viene elevato per due anni in botte medio piccola, ed i successivi due anni in tonneaux da 5hl.

“Il Sangiovese ha bisogno della botte più grande perchè deve respirare” – ci racconta Luca – “volevo però donargli un ulteriore carattere terziario, ed usando il tonneaux riesco a recuperare queste particolari note fumè che si ritrovano in questo vino.”

San Giorgio a Lapi è anche accoglienza, all’interno della azienda agricola è presente una meravigliosa terrazza panoramica che domina un meraviglioso vigneto dove svetta una chiesetta dedicata a San Giorgio, con in sfondo il Monte Amiata.

Riferimenti:
Azienda San Giorgio a Lapi
sangiorgioalapi@gmail.com | +39 3479420836

close