Il Lago di Caldaro e i vini della cantina Steflhof

Inserita tra rigogliosi vigneti Caldaro (BZ) è patria di vini di fama internazionale e vitigni autoctoni, vecchie cantine e famiglie di viticoltori di lunga tradizione testimoniano una vivace cultura del vino

453

Il mio viaggio sulle rive del Lago di Caldaro, in Alto Adige, mi porta a conoscere una realtà davvero bella e affascinante, quella della cantina vinicola Steflhof della famiglia Andergassen che, dalla metà del Novecento, produce e commercializza vini di altissima qualità.

Il paesaggio limitrofo al lago è un magnifico quadro fatto di vigneti, boschi e campi di frutta, e in Italia è una delle  zone più vocate per il vino. Qui viene allevata la Schiava e viene prodotto un vino amabile e leggero, il Kalterersee Classico Superiore DOC, vellutato ed elegante, le cui versioni più fruttate, servite alla giusta temperatura, sono ideali per un aperitivo. La Schiava (dal latino vernaculus, il nativo) è una delle tre varietà autoctone dell’Alto Adige (con il Lagrein e il Gewürztraminer) e le sue radici risalgono al tardo Medioevo.

Manuel Andergassen, enologo eccellente e figlio di Walter, mi accompagna a visitare la sua realtà viticola, partendo proprio dai bellissimi allevamenti a Pergola Trentina della Schiava: questo è infatti un sistema tradizionale del Trentino che permette l’esposizione delle foglie del vigneto in un angolo inclinato di circa 25° (ma l’angolo varia a seconda della posizione del vigneto), sfruttando al massimo la luce solare, in modo molto simile ai pannelli solari.

“Qui nella classica pergola trentina – racconta Manuel Andergassen – alleviamo la Schiava, vitigno autoctono dell’Alto Adige caratterizzato da acini abbastanza grandi, con buccia sottile, dai quali asce un vino di colore rosso rubino molto fruttato che dà forti sentori di ciliegia e di ribes. I grappoli crescono al di sotto dello strato fogliare, protetti dalla luce diretta del sole e pendenti dalla tettoia, quindi distaccati dal contesto fogliare, permettendo così una maggiore areazione e una facilità di raccolta maggiore”.

La vendemmia nei vigneti Steflhof viene effettuata a mano, con una rigorosa selezione dei grappoli migliori, che poi vengono portati in cantina dove verranno vinificati nell’acciaio inox per circa due settimane.

Con Manuel ci spostiamo nel vigneto Feld che si trova a nord del bacino del Lago di Caldaro, a circa 350 m sul livello del mare. In questo vigneto la famiglia Andergassen alleva il Lagrein che è il vitigno più antico dell’Alto Adige ed è geneticamente simile al Syrah.

“Il Lagrein è un vitigno autoctono della zona, composto da acini più piccoli rispetto alla Schiava, la sua buccia è spessa e di colore blu tendente al nero. L’allevamento in questo caso è a spalliera e il vigneto ha circa 25 anni: questo significa che la qualità è davvero buona. Il vino prodotto con questo vitigno lo invecchiamo per 24 mesi in barrique di rovere e restituisce vini strutturati, scuri, buonissimi per essere abbinati a carni e formaggi stagionati”, prosegue Manuel.

La fattoria vinicola Steflhof ha una storia ricca e affascinante che risale sino al 1419; nell’archivio parrocchiale di Caldaro si trovano infatti documenti scritti in latino che descrivono la nascita del nome Andergassen (da Peter “an der Gassen”). L’azienda viene poi acquistata dalla famiglia Andergassen nel 1924, che inizia una intensa attività legata alla viticoltura e frutticoltura, oltre alla coltivazione di granturco e allevamento di bovini e maiali. Solo nel 1965 Walter Andergassen comincia a vinificare e commercializzare in proprio l’uva dei suoi vigneti.

Manuel mi accompagna poi nella cantina di vinificazione, dove si trovano tini in acciaio inox utilizzati per la fermentazione dei bianchi Steflhof, come il profumatissimo Chardonnay. Le vasche sono piccole perché ogni vino nasce da un unico vigneto. In questa sezione troviamo anche botti in rovere utilizzate per l’affinamento del Merlot e del Cabernet, oltre ad alcune barrique dove viene invecchiata la Schiava riserva, che fa circa 24 mesi di legno e che dà vita a un vino più strutturato e intenso.

Percorriamo un camminamento che attraversa la parte sottostante l’abitazione per arrivare nella parte più vecchia della fattoria che risale infatti al 1750. Un luogo che prima ospitava una stalla.

“In questa cantina abbiamo le nostre barrique di rovere francese, dove facciamo affinare il Lagrein per circa 25 mesi, e permettono di conferire al vino struttura e profondità. All’interno delle botti più grandi invece affiniamo per 12 mesi il Lagrein classico, un vino dalle caratteristiche più fresche e fruttate”, conclude Manuel.

NOTE DI DEGUSTAZIONE:

(Il metodo di valutazione rispecchia le caratteristiche del vino assaggiato, le impressioni organolettiche ed emozionali dello stesso, del tutto soggettive e legate al mio gusto)

Rosè 2020 
Vitigno Schiava grossa 100%, di un bellissimo colore rose cerasuolo, al naso piccoli frutti rossi, fragoline, lampone ma anche sensazioni di frutta tropicale come il pompelmo rosa. Palato asciutto e secco, si fanno apprezzare richiami al gelsomino ed ai fiori rossi, di buona persistenza.

Eduard 2020, kartassler classico superiore
Vitigno Schiava grossa 100%, di colore rubino chiaro, al naso frutta fresca come la fragola, la ciliegia ma anche note di lavanda e sentori agrumati. Palato vinoso e asciutto di media persistenza con richiami vigorosi alla fragola, tannini vivaci e di buona pulizia della bocca.

Emanuel, Lagrein 2020 
Vitigno Lagrein 100%, di colore rubino intenso quasi impenetrabile, naso ricco di frutta matura come la susina il ribes ma anche arancia rossa ed un piacevolissimo finale di incenso. Sorso croccante e polposo, con discreti sentori balsamici, spalla acida media, chiude con richiami al lampone.

Lagrein 2016 
Vitigno Lagrein 100%, al naso frutta dolce come la mora, le prugne il ribes, accompagnate da piacevoli note di vaniglia e tabacco tostato sul finale. Sorso caldo e croccante, bella acidità e materia, di lunga persistenza con tannini ancora muscolosi.

La famiglia Andergassen produce ulteriori etichette sia di bianchi come lo Chardonnay il Sauvignon ed il Gewürztraminer ma anche un’ altro internazionale come il Merlot.

La cantina vinicola Steflhof è una straordinaria realtà artigianale di questo territorio unico e fantastico, nelle loro etichette si esprime il carattere più autentico di questo angolo dell’Alto Adige, la cui visita è rigenerante sia per lo spirito che per il corpo.

Fattoria vitivinicola Steflhof
Famiglia Andergassen Georg
Via Penegal 8, 39052 Caldaro(BZ), Alto Adige, Italia

Puoi seguire tutte le mie recensioni anche qui: @ilvinosecondome

close