Il Cannonau di Momoiada e la cantina Mussennore

La Cantina Mussennore nasce nel 1976 nel cuore della Barbagia a Mamoiada in provincia di Nuoro, luogo vocato da secoli per la coltivazione del vitigno autoctono per eccellenza di Sardegna: il Cannonau

263

Mussennore è una espressione dialettale sarda che in italiano significa “Monsignore”, la famiglia Fadda – Canneddu lo ha scelto come nome per la propria cantina come testimonianza del senso di attaccamento e appartenenza a questo antico soprannome di famiglia.

“Originariamente fu attribuito a nostro trisavolo, che l’ha passato a nostro bisnonno Antonio, che a sua volta l’ha passato al padre di nostra madre, nonno Gesuino, per farlo arrivare fino a noi in forma più che smagliante.” – mi racconta Francesco Fadda – “Dimenticare i propri antenati significa essere un albero senza radici, questo antico proverbio è diventato ormai il nostro mantra e nella vita di tutti i giorni cerchiamo di onorarle e ricordarle. Se oggi i nostri nonni fossero qui, sarebbero sicuramente felici e orgogliosi di questa iniziativa.”

La Cantina Mussennore nasce nel 1976 nel cuore della Barbagia a Mamoiada in provincia di Nuoro, luogo vocato da secoli per la coltivazione del vitigno autoctono per eccellenza di Sardegna: il Cannonau

Il vigneto Palagorai è posto tra i 600 e gli 800 m s.l.m. in terreni di natura granitica di struttura sciolta, l’allevamento è a spalliera con potatura a cordone speronato, la lavorazione è sostenibile e biologica. Le uve raccolte a mano una volta in cantina vengono avviate alla fermentazione spontanea senza l’utilizzo di lieviti esterni e lasciate in macerazione per circa 20 giorni. Dopo un breve passaggio in contenitori acciaio, il vino riposa per circa 8-10 mesi in botti di rovere, e infine trascorre un periodo di circa 3 mesi di affinamento in bottiglia.

Una menzione speciale per le etichette di questi due vini, che riportano il nome di Gesuino Canneddu creatore del vigneto Palagorai, e che in qualche modo identificano perfettamente il carattere e l’identità di questo territorio altamente vocato per la viticoltura, dove ancora si allevano vigne ultracentenarie.

NOTE DI DEGUSTAZIONE:

Mussennore Rosato 2020

Cannonau in purezza, di colore rosa intenso, naso fine si apprezza un ricco bouquet floreale e poi frutta come lamponi, fragole e melone maturo. Sorso saporito fresco con un buon bilanciamento alcolico, tannini distesi che lasciano emergere il fiore anche in retrolfattiva.

Mussennore Rosso 2019

Cannonau in purezza, di colore rubino intenso, al naso è ampio e arioso prevalgono sentori prugna, amarena, chiodi di garofano e macchia mediterranea, sul finale piacevoli note di vaniglia. Attacco morbido e appagante, tannino avvolgente, di buon equilibrio generale con note balsamiche e caramellate sul finale, bella evoluzione nel bicchiere.

VISITA LA CANTINA

Puoi seguire tutte le mie recensioni anche qui: @ilvinosecondome

close