Dall’Amarone al Nero di Troia, la selezione Borgo DiVino 2022

Dal 23 al 25 aprile si è svolto a Scandicci (Fi) l'edizione primaverile di Borgo DiVino il Wine Festival con oltre 200 etichette in degustazione: dal Trentino alla Puglia 8 assaggi selezionati

183

Si è conclusa l’edizione primaverile di Borgo DiVino, tre giorni dedicati alla cultura del vino, nei quali i visitatori hanno potuto conoscere da vicino numerose aziende vitivinicole provenienti da tutta Italia, ammirare le eleganti e colorate etichette degli oltre 200 vini in degustazione, oltre a poter acquistare tutti i prodotti presenti al festival a prezzi di cantina, grazie all’esclusivo Wine Shop.

Ho potuto assaggiare molti dei produttori in rassegna, l’evento che si è confermato di buona qualità, mi ha permesso di approfondire anche la conoscenza di territori splendidi dove nascono vini davvero caratteristici.

NOTE DI DEGUSTAZIONE:
(Il metodo di valutazione rispecchia le caratteristiche del vino assaggiato, le impressioni organolettiche ed emozionali dello stesso, del tutto soggettive e legate al mio gusto)

Amarone della Valpolicella 2017, Le Banchette
Corvina, Corvinone e Rondinella, il suo naso è ampio e complesso, tanta frutta matura come l’amarena i mirtilli e note terziarie di tabacco. Palato vigoroso, buona materia e frutta croccante. Da riassaggiare tra almeno 1 anno

Vernaccia Riserva 2018 “I Mocali”, Vagnoni
Vernaccia in purezza, naso nitido e fresco, prevalgono gli agrumi la mela matura, sentori di incensa e miele. Palato armonioso, bel frutto mai troppo spinto. Sorso lungo e sincero.

Pinot Nero 2020 “Monteprimo”, Bacco del Monte
Pinot nero in purezza, al naso tanta frutta matura come la ciliegia, la fragola l’aneto e sentori vanigliati sul finale. Sorso dolce e scorrevole, la chiusura amaricante pulisce bene il palato.

Nero di Troia 2018 “1788”, Domus Hortae 
Nero di Troia acino piccolo in purezza, si presenta di colore rubino impenetrabile, al naso un trionfo di complessità: dai frutti scuri al  sottobosco prosegue con note di fungo e un piacevolissimo rabarbaro. Sorso dolce e pepato, grande struttura ma nello stesso tempo rotondità. Un grande vino

Chianti Classico Gran Selezione 2015, La Querce seconda 
Sangiovese in purezza, si presenta di colore rubino intenso, il naso è ricco e preciso si apprezzano la mora, il ribes nero sentori di ginestra e piacevoli note minerali. Palato rotondo e carnoso, bella lunghezza di sorso. Un vino pulito e distinto

Pinot Grigio 2020 “Il Mercante”, La vite di Monica
Pinot Grigio in purezza, si presenta di colore paglierino con riflessi verdolini, al naso è vivace e pulito, si apprezzano aromatiche, mela verde e lavanda sul finale. Palato fresco e rotondo, di buona complessità e spalla acida. Un vino stuzzicante.

Toscana IGT “Il Calice 21”, I Carri
Sangiovese in purezza, di colore rubino brillante, naso floreale e fruttato si apprezzano la ciliegia, la susina e note di spezie sul finale. Palato robusto e costante, un vino familiare.

Toscana Rosso IGT 2015 “Colori”, Camporignano
Canaiolo e Colorino, si presenta di un bel rubino brillante, al naso grande mineralità, fiori rossi e frutta matura. Sorso di buona polpa, tannino ancora importante che racconta una grande predisposizione all’invecchiamento.

close