Trentino, il vino e la grappa si uniscono per promuovere il territorio

Storico accordo di collaborazione tra il Consorzio e l’Istituto, insieme oltre 100 aziende

35

Che il Trentino fosse la patria del gioco di squadra non è una novità, come lo è la storica collaborazione che da inizio anno vedrà insieme due importanti istituzioni del territorio collaborare per la promozione e la comunicazione. Il Consorzio Vini del Trentino (oltre 90 soci) e l’Istituto Tutela Grappa del Trentino (25 soci) si sono infatti ufficialmente legati da una partnership per la gestione delle risorse umane ed economiche finalizzate a promozione e comunicazione di aziende e territorio.

L’idea della collaborazione, maturata nel corso di molti incontri, è unire l’esperienza organizzativa e gestionale del Consorzio Vini all’Istituto Tutela Grappa del Trentino. Una sinergia basata sul rispetto reciproco delle scelte che rimangono in capo al consiglio e all’assemblea dei soci dell’Istituto Tutela Grappa del Trentino, mentre la parte organizzativa verrà gestita in collaborazione con il personale del Consorzio Vini.

Molto intenso il programma già stilato dal direttivo dell’Istituto Tutela Grappa del Trentino in collaborazione con il Consorzio, con una serie di appuntamenti dove si parlerà ancora e sempre dell’ottima qualità della Grappa marchiata con il tridente Trentino e del sistema di controllo a tutela del consumatore. Una garanzia di qualità basata sulla serietà di tutti gli attori della filiera produttiva.

Il Presidente del Consorzio Vini del Trentino Pietro Patton ha detto: “Il Consorzio si è prefissato l’obiettivo di lavorare in un’ottica integrata di sviluppo del territorio a 360 gradi. Il gioco di squadra, insito nella natura di una realtà associativa come la nostra che raccoglie oltre 90 soci, è per noi un passaggio imprescindibile per consentire al nostro territorio trentino di svilupparsi in tutte le sue potenzialità”.

“Una opportunità, arriverà da un cambio gestionale non facile, ma con la buona volontà e la tenacia dei distillatori trentini e dei viticoltori rappresenta la conclusione di un percorso auspicato anche dall’Assessore provinciale all’Agricoltura, sempre più nell’ottica di completare la filiera produttiva dalla campagna alla vite al vino e alla grappa, tutto rigorosamente con un po’ di orgoglio Trentino” hanno sottolineato i due presidenti Bruno Pilzer e Pietro Patton, rispettivamente dell’Istituto Tutela Grappa del Trentino e del Consorzio Vini del Trentino.

close