Chianti Classico: una collection di successo

Si è chiusa ieri la ventinovesima edizione della Chianti Classico Collection. In 2000, fra giornalisti e operatori di settore, sono venuti alla Leopolda per degustare le ultime annate della prestigiosa denominazione del Gallo Nero

47

Si è chiusa ieri la ventinovesima puntata della Chianti Classico Collection: dopo l’edizione dello scorso anno, la manifestazione è tornata a svolgersi alla Stazione Leopolda, con la presenza di 180 produttori di Chianti Classico.

Un’edizione di successo se si considerano i numeri importanti dei partecipanti: sono infatti oltre 2.000 i rappresentanti del trade e della stampa che si sono accreditati alla due giorni per poter degustare le ultime annate del Gallo Nero.

Ottimi anche i riscontri sui due seminari che si sono svolti nell’ambito della Collection e che hanno registrato il tutto esaurito: uno sul progetto delle Unità Geografiche Aggiuntive, leitmotiv della Collection, condotto da Aldo Fiordelli, collaboratore, fra le varie testate, di Decanter, Espresso e Corriere Fiorentino e l’altro guidato dal giornalista-degustatore Filippo Bartolotta che ha proposto un viaggio nella storia della denominazione con un’inedita degustazione di etichette storiche a partire dal 1949 fino al giorno d’oggi.

Una degustazione davvero particolare che il Presidente Giovanni Manetti ha  definito addirittura “commovente”: ed in effetti è stata davvero una forte emozione per tutti gli ospiti partecipanti poter degustare etichette degli anni Quaranta, Cinquanta, Sessanta, Settanta e Ottanta (solo per citare quelle più in là nel tempo), ancora così ricche di vita e di carattere. Quel carattere fiero che solo il Sangiovese di qualità prodotto nell’area del Chianti Classico può continuare a mostrare così a distanza di tempo e “a tutte le età”.

La kermesse si è chiusa poi con l’arrivo, gradito, del sottosegretario Gian Marco Centinaio che dopo una visita alla tradizionale sfilata di bottiglie (oltre 650 etichette in degustazione), è rimasto a lungo a colloquio con il Presidente Giovanni Manetti. “Ringraziamo il senatore Centinaio per l’attenzione che da sempre dedica alla DOCG Chianti Classico – dichiara il Presidente Manetti. – E’ stata una preziosa occasione di confronto sulla storia del Gallo Nero  e sulle importanti  prospettive future della denominazione”.

Il Consorzio Vino Chianti Classico si è presentato alla Collection in un momento molto positivo per la denominazione. Il 2021, infatti, pur caratterizzato dall’evento eccezionale della pandemia, si è concluso con un bilancio migliore delle aspettative, con un + 21% rispetto al 2020  e +11% rispetto al 2019. Un trend di crescita che continua anche nel 2022 che, a fine febbraio, fa registrare già un +7% rispetto al primo bimestre del 2021. In generale, è aumentato il valore globale della denominazione, anche a partire dalle uve: la quotazione al quintale della vendemmia 2021 è stata più alta del 20% rispetto all’anno precedente, offrendo una maggiore remuneratività anche alle aziende che non imbottigliano.

Per quel che riguarda il prodotto imbottigliato, si è confermata la tendenza alla crescita del peso – in volumi venduti e in valore – delle tipologie “premium” del Chianti Classico, Riserva e Gran Selezione. Nel 2021 le due tipologie hanno rappresentato, congiuntamente, il 43% della produzione e il 55% del fatturato (fonte Maxidata).

Guardando ai mercati del Chianti Classico, gli USA si confermano ancora una volta al primo posto, una posizione che ormai detengono da oltre 15 anni: una bottiglia su tre di Chianti Classico trova infatti sbocco in questo Paese (33% delle vendite totali); stabile al secondo posto il mercato interno dove oggi viene venduto il 20% del totale dei vini Chianti Classico commercializzati. Segue il Canada al terzo posto (10%), un mercato che negli ultimi anni ci ha dato grandi soddisfazioni.

Buona anche la performance del Regno Unito che si attesta al quarto posto (8%): un paese dove il Consorzio Vino Chianti Classico continuerà ad investire anche nel 2022 con vari eventi e attività promozionali. Poi, fra i mercati consolidati, la preziosa Germania, anch’essa oggetto di particolare attenzione nella strategia consortile (6%). A seguire i Paesi Scandinavi, la Svizzera, il Benelux e il Giappone.

Da evidenziare, fra i mercati emergenti che hanno mostrato maggiore dinamicità ed interesse verso la denominazione Chianti Classico, la Corea del Sud che nel 2021 ha raddoppiato le importazioni di Chianti Classico rispetto all’anno precedente e  addirittura quadruplicato il numero delle bottiglie importate nel 2019.

“Siamo molto soddisfatti dell’affermazione del Chianti Classico sui mercati internazionali – dichiara Giovanni Manetti, Presidente del Consorzio – e, in particolare, del trend positivo degli Stati Uniti e del Canada e della tenuta di tutti gli altri mercati storici per i vini del Gallo Nero.  Apprezziamo anche il risultato del mercato interno, che premia il lungo lavoro di rilancio della denominazione svolto negli anni che ha visto l’introduzione della tipologia Gran Selezione nel 2014 e che oggi presenta il  progetto UGA del Chianti Classico. Ancora molto può e deve essere fatto ed è uno dei principali obiettivi del mio mandato di Presidente quello di “valorizzare ulteriormente” la denominazione continuando a consolidarne il valore e l’immagine nella sfera delle eccellenze enologiche mondiali.

close