Il progetto culturale nasce dalla collaborazione tra la cantina condotta dai fratelli Luca e Flavio Nuti e il regista del noto programma satirico di Radio2 ‘Il ruggito del coniglio’ Paolo Restuccia, fondatore della scuola di scrittura Genius, e coorganizzatore del premio “La Regola della Letteratura”.

“La nostra cantina cresce e non è solo merito del vino. Fin dall’inaugurazione avevamo in mente un luogo aperto alla cultura, all’incontro, alla creatività con la voglia e l’obiettivo di coinvolgere storie e persone – spiega Flavio Nuti, amministratore della nota cantina della Costa degli Etruschi -. Con questo progetto pensiamo di avvicinarsi a quella mèta dichiarata grazie proprio alle storie composte dai partecipanti che ci auguriamo numerosi. Attrarre i giovani alla letteratura è un altro dei nostri propositi nel sostenere ed organizzare questo premio letterario. Anche per questo ogni 23 aprile ripeteremo il concorso”.

“La Regola della letteratura” è un concorso letterario per racconti inediti in lingua italiana senza vincoli di argomento. Al premio possono partecipare autori italiani e stranieri, senza limite di età, la lunghezza massima è di 10 mila caratteri spazi inclusi. Il testo dovrà essere inviato entro la mezzanotte del 23 aprile 2020 all’indirizzo mail genius@storygenius.it. (link al bando https://storygenius.it/concorso-la-regola-della-letteratura/)

La giuria sarà composta dagli scrittori Simona Baldelli (premio John Fante 2013) Rossana Campo (premio Strega giovani2016), Andrea Carraro (autore de” il branco” da cui è stato tratto il film di Marco Risi), e Dario Danti, assessore alla cultura del Comune di Volterra. Della giuria fanno parte anche Flavio Nuti del Podere La Regola, Mauro Gabba della Golden Book Hotel Association e Paolo Restuccia della Scuola Genius. Il primo classificato riceverà un premio in denaro di € 500,00 offerti dal Podere La Regola. L’assegno sarà accompagnato da una targa celebrativa, una bottiglia Magnum 3L La Regola, e l’accesso al laboratorio di scrittura creativa offerto dalla Scuola Genius. I migliori racconti saranno pubblicati dalla Golden Book Association.

L’evento di premiazione de La Regola della Letteratura è in programma sabato 20 giugno 2020 presso la Cantina La Regola (Altagrada, SR68 – Riparbella, provincia di Pisa, 56046).

L’azienda Cantina La Regola, la prima a nascere a Riparbella ed a credere in questo particolare territorio, nel tempo ha rivoluzionato la sua filosofia passando da una coltivazione tradizionale a quella interamente biologica a partire proprio dall’annata 2015. In questa prospettiva di rispetto della natura, nel 2016 è stata inaugurata la nuova cantina ecosostenibile alimentata a energia solare e costruita con materiali ecologici insignita peraltro di un premio speciale nel concorso internazionale patrocinato dal MIBACT e dall’UNESCO. La Cantina La Regola in pochi mesi di intensa attività è diventata una vera e propria ambasciatrice territoriale per comunicare anche la tipicità della cucina toscana realizzando un libro sui migliori chef della toscana “la regola degli chef”. A fare da traino ad un concetto di luogo aperto e creativo l’arte di Stefano Tonelli che nella sua opera “Somnium” ha arricchito la Barriccaia con un affresco che rivisita la visione etrusca della vita e del vino: all’opera di 46 metri lineari per 4 metri di altezza, è stato dedicato recentemente un libro a cura del noto critico d’arte Luca Nannipieri.

 

La cantina La Regola, totalmente ecosostenibile e alimentata con energia pulita, è immersa tra i filari di un appezzamento di proprietà di circa 10 ettari di vigne, in totale l’azienda conta 20 ettari di vigneto ed a breve effettuerà l’impianto di altri 5 ettari. Ad impreziosire la cantina l’arte di Stefano Tonelli che ha trasformato la barriccaia in una grande sala da museo, un affresco che richiama gli Etruschi e il cosmo; un modo per vivere l’arte nel luogo eletto in cui, il vino è nel pieno della sua trasformazione.

Il territorio e la storia – L’azienda vitivinicola Podere la Regola, si trova sulla Costa Toscana, territorio vocato alla produzione di grandi cru, nella valle del fiume Cecina, a soli 4 Km dal mare, nel Comune di Riparbella, tra vigneti, olivi e cipressi tanto decantati dal grande poeta Giosuè Carducci, che alla vicina Bolgheri dedicò i suoi versi. Nella zona dove è stata di recente costruita la nuova cantina, sono stati rinvenuti resti di un antico insediamento Etrusco (VII sec. A.C) e numerose anfore vinarie a testimonianza della vocazione di questo territorio alla coltivazione della vite. Il terreno sciolto e drenante, costituito prevalentemente da sabbie plioceniche ricche di fossili di conchiglie, con una percentuale di argilla, una stratificazione di rocce e minerali ricchi di ferro e una esposizione solare dei filari di vite a sud-sud est, favorisce una maturazione ottimale delle uve, consentendo di ottenere vini fini ma di struttura e notevole persistenza.

close
adv