adv
Vino e arte per lasciarsi trasportare dalla bellezza oltre i problemi della pandemia. Nella splendida cornice della cantina Poggio del Moro, adagiata sulle colline toscane di Chianciano Terme in provincia di Siena l’artista internazionale Lora Delooksart metterà in mostra, ancora una volta, le proprie opere tra scultura, natura e vino.

Dal 1 Maggio, all’interno del programma annuale dell’Associazione “Donne del Vino” che ha come tema principale “Donne, Vino e Ambiente”, saranno esposte una serie di opere pensate per essere indossate come gioielli. Obiettivo raccontare in maniera affascinante con il giusto rispetto e trasporto le fatiche della campagna ma anche le gioie che essa sa donare.

Insomma, i wine lovers potranno non solo farsi trasportare dalle meraviglie di Bacco ma anche godere di una mostra unica quanto affascinante. In occasione di questo connubio particolare Lora ha dato vita ad oggetti scultorei che traggono ispirazione dal mondo del vino, per dare voce attraverso l’arte al duro lavoro che si cela dietro una bottiglia di vino.

Le emozioni che le sculture regaleranno al pubblico saranno accompagnate dal fascino di Bacco, attraverso l’assaggio dei vini di Poggio del Moro, per una degustazione tra bello e buono.

Di particolare importanza e connessione con l’ambiente dell’azienda vinicola Poggio del Moro è il terreno del vigneto che Lora ha inaspettatamente usato all’interno della sua massa per creare sculture.

Sarà possibile visitare la mostra ogni giorno dal lunedì fino al venerdì, mentre il fine settimana solo su prenotazione.

Per maggiori informazioni sulla mostra: +39 0587 31557 Tatiana: +39 339 564 6897

Lora Delooksart

Nata in Unione Sovietica, ha vissuto gran parte della sua vita a Mosca, per poi trasferirsi in Francia nel 2008 dove il suo lavoro di artista ha spiccato il volo. Il lavoro di Lora, da lei battezzato con il nome di Art-à- Porte, si basa sulla creazione di oggetti preziosi ed unici da indossare e da vivere sulla propria pelle. Le opere di Lora Delooksart sono esposte in note gallerie della Francia ed in collezioni private a Parigi, Roma, Londra, Reims e Mosca.

L’artista ha avuto due mostre personali a Parigi nel 2015 ed a Mosca nel 2018. I gioielli della sua raccolta “Connessione” sono stati venduti all’asta presso la casa d’aste PAISA di Parigi, nell’ambito del significativo progetto internazionale Parcours Bijoux 2017.

Mostra di arte sulla femminilità a Poggio del Moro nel 2019 Nel 2019 Poggio del Moro è stata museo a cielo aperto di una mostra dedicata al tema della femminilità a cura di Marco Rubbera ed Enrico Mancini, giovani artisti della PA.NOVA GALLERY di Milano, unospazio concettuale che trascende l’idea di galleria d’arte moderna per dare opportunità a scultori, pittori, designer e fotografi provenienti da tutto il globo. La mostra ha visto in esposizione, da maggio fino a dicembre, affascinanti sculture senza tempo composte da tessuto e resina. Le opere erano disposte all’interno di un’installazione progettata dalla scenografa Anita Accordi ed avvolte da morbidi e pregiati tessuti di Biseta, azienda specializzata nell’elaborazione di jacquard e di tweed, dando così forma a sculture vive ed emozionanti.

Poggio del Moro Poggio del Moro si trova nel cuore della Toscana, a Chianciano Terme in provincia di Siena dove la titolare Tania, originaria di Mosca, dieci anni fa ha realizzato il suo sogno, quello di dare vita ad una splendida realtà agricola che ama l’ambiente e punta all’eccellenza qualitativa dei suoi prodotti.

L’azienda, che si estende su 50 ettari tra bosco, viti, ulivi e seminativi, è costituita da un corpo centrale dove si trovano la sala di affinamento, quella di invecchiamento, la vinsantaia ed una suggestiva sala degustazioni per eventi privati e per eventi aperti al pubblico.

A Poggio del Moro, in conversione biologica, si trovano 14 ettari vitati in cui sono allevate uve sangiovese, merlot, syrah, cabernet sauvignon, pinot nero, trebbiano procanico, grechetto e malvasia toscana, un lago artificiale, un piccolo orto i cui frutti sono i gustosi protagonisti di conserve, salse di pomodoro e marmellate, un allevamento di api da cui nasce un miele goloso e nutriente, e 3000 piante di ulivi che, grazie al frantoio interno, con cui le olive vengono frante appena raccolte, regalano un olio extravergine di oliva di altissima qualità.

close
adv