Teatro del Maggio, debutto al femminile per “Le nozze di Figaro”

Dal 15 al 21 giugno Kristina Poska sul podio e Sonia Bergamasco alla regia

Ruggero

Per la prima volta al Teatro del Maggio sul podio e alla regia de Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart ci saranno, assieme, due donne.

Va in scena il 15 giugno alle 20 la prima rappresentazione de Le nozze di Figaro nel nuovo allestimento del Maggio Musicale (altre recite 17, 19 e 21 giugno alle 20) che vede Kristiina Poska sul podio e Sonia Bergamasco al suo debutto alla regia di un’opera lirica.

L’opera è la prima della trilogia Mozart-Da Ponte a rientrare nel progetto Mozart al femminile, che vedrà nelle prossime stagioni del Maggio, Elena Bucci curare la regia di Così fan tutte e Nicola Raab quella di Don Giovanni.

Officina dei Saponi

Le Nozze dopo la prima rappresentazione assoluta avvenuta a Vienna nel 1786, fu rappresentata per la prima volta in Italia proprio a Firenze, alla Pergola, nel giugno del 1788. L’ultima volta al Maggio è datata novembre 2010. Nel cast Mattia Olivieri (il conte), Serena Gamberoni (la contessa), Valentina Mastrangelo (Susanna), Simone Del Savio (Figaro), Miriam Albano (Cherubino), Patrizia Cigna (Marcellina), Adriano Gramigni* (Don Bartolo), Dave Monaco* (Basilio), Claudio Zazzaro (Don Curzio), Costanza Fontana* (Barbarina), Patrizio La Placa* (Antonio), Elena Bazzo, Nadia Pirazzini** (due contadine). Le scene sono firmate da Marco Rossi, i costumi da Gianluca Sbicca e le luci da Cesare Accetta. (*artisti dell’Accademia del Maggio, **artista del Coro del Maggio).

Correva l’anno 1786 quando il 1° maggio debuttava al Burgtheater di Vienna il primo dei tre capolavori realizzati da Mozart in collaborazione con Lorenzo Da Ponte: Le nozze di Figaro. Il soggetto era tratto dal ben noto Le mariage de Figaro, commedia di Beaumarchais del 1778 tanto discussa quanto temuta per i contenuti satirico-politici. Mozart, tuttavia, non si lascia scoraggiare da un soggetto all’apparenza ‘proibito’ nonché difficile da mettere in musica per il gran numero di personaggi e situazioni in gioco. Può contare infatti sulla collaborazione del miglior drammaturgo con cui abbia mai lavorato, il poeta imperiale Lorenzo Da Ponte conosciuto a Vienna qualche anno prima. È proprio Da Ponte a rassicurare l’imperatore Giuseppe II sull’assenza di elementi sovversivi o di riferimenti politici nella sua riduzione librettista delle Nozze di Figaro, e così, alla fine del 1785, dopo aver superato numerosi ostacoli, il libretto è pronto per essere rivestito di note. La girandola di equivoci amorosi, tranelli, sospetti, incontri clandestini e agnizioni delle Nozze è quanto mai congeniale a Mozart, che fin dalle primissime battute imprime alla sua musica un ritmo serratissimo, esuberante e irresistibile. Il vorticoso brulichio di quartine degli archi nell’ouverture ci trascina nella folle journée di Figaro e compagni: è l’apoteosi del movimento allo stato puro che sottolinea la concitazione di un giorno ricco di eventi e di aspettative come quello del matrimonio. Quel che segue è un’indagine psicologica in musica senza eguali prima di allora.

Le Nozze di Figaro non è solo un’opera buffa ma una commedia di sentimenti dove alla molteplicità di caratteri e stati d’animo corrisponde una scrittura musicale sempre attenta a sottolinearne oggi sfumatura con colori di volta in volta diversificati. Ogni personaggio ha un profilo ben definito che Mozart cesella con maestria nelle arie e nei pezzi d’insieme. Così l’astuto Figaro, qui impedito nei suoi progetti amorosi dal suo padrone, non canta in modo caricaturale ma assume una dignità musicale tutta nuova che lo eleva al di sopra di tanti servi dell’opera buffa, mentre il Conte d’Almaviva, suo antagonista, risulta ironicamente diviso tra l’antica pretesa feudataria dello ius primae noctis e velleità illuministiche. Sul versante femminile spiccano Susanna e la Contessa, due donne diverse, l’una brillante e piena di speranze nel giorno delle sue nozze, l’altra malinconica e rassegnata a un matrimonio ormai privo di verve, che per tener testa ai loro uomini ricorrono a tutte le astuzie femminili dimostrando che l’unione tra donne fa la forza. A spargere pepe tra le due coppie c’è il paggio Cherubino, non più fanciullo ma nemmeno uomo, che bruciando di passione per l’una e l’altra donna vuole sperimentare l’amore ma è troppo giovane per farne un’esperienza matura. Fanno da corollario la coppia formata dall’ottuso e brontolone Bartolo e Marcellina, ancora desiderosa d’amore nonostante l’età avanzata, l’insinuante Basilio, complice delle tresche del conte, e la vezzosetta Barbarina, figlia del giardiniere Antonio.

Degna di nota nella partitura è la prevalenza dei numeri d’insieme sulle arie solistiche, espediente che tiene lontani dal rischio di staticità dando invece una continua spinta propulsiva all’azione. E Mozart, non a caso, dà il meglio di sé proprio nei numeri d’insieme e nei due grandi finali (alla fine del secondo e del quarto atto). Il concertato finale prima ancora di essere una forma drammaturgica è il momento privilegiato per mettere in comunicazione i personaggi, e soprattutto nel primo concertato Mozart riesce a creare un capolavoro nel capolavoro: quasi mille battute di musica che seguono il graduale passaggio da due a otto voci dove ogni singolo individuo è scolpito a tutto tondo e l’azione non subisce mai battute d’arresto. Al concertato finale del quarto e ultimo atto spetta invece il compito di ristabilire l’armonia e l’ordine delle cose: il conte tornerà pentito tra le braccia della comprensiva moglie e Figaro e Susanna coroneranno finalmente il loro sogno d’amore. Tutto è bene quel che finisce bene e dopo una folle journée tale, che nozze siano!

Sonia Bergamasco – Note di regia

Il 12 novembre 1778, in una lettera da Mannheim, Mozart scrive al padre: “ Non so se vi ho parlato di questo tipo di opera teatrale quando sono stato qui per la prima volta. In effetti, niente mi ha mai sorpreso tanto! Mi ero sempre immaginato, infatti, che una cosa simile non avrebbe fatto alcun effetto! Sapete che non si canta, ma si declama, e che la musica è come un recitativo obbligato, talvolta si parla anche sulla musica, per cui si produce un effetto meraviglioso…Sapete quale sarebbe la mia opinione? Si dovrebbe trattare in questo modo la maggior parte dei recitativi dell’opera, e solo di tanto in tanto, quando le parole possono essere espresse bene in musica, cantare i recitativi”. In questa lettera, dunque, Mozart – frequentatore appassionato anche di teatro di prosa – esprime il suo entusiasmo per il nuovo genere di spettacolo con musica chiamato “melologo”, e intuisce in questo tipo di scrittura nuove potenzialità espressive. I semi dell’invenzione teatrale che il melologo propone sbocceranno rigogliosi nella scrittura geniale del trittico italiano di Mozart.

In questa nuova produzione delle Nozze, il lavoro con i cantanti (cantanti attori di rango, generosi e appassionati, con cui è stata una gioia e un’ emozione profonda condividere il percorso) è stato per me – attrice e regista – occasione felice di conferma di quanto sia densa e preziosa la rete drammaturgica tesa da Mozart/ Da Ponte, di quanto ricca sia la possibilità di indagine sui personaggi e di quanto sia necessario seguire i loro percorsi con pudore lasciando che esprimano la complessità dei sentimenti senza mai venire appesantiti dal giudizio, senza fare di loro delle maschere o dei tipi umani da catalogo. Lasciare insomma che esprimano il loro mondo interiore attraverso il canto e l’azione per raggiungere la preziosa evidenza della fragilità umana.

Le nozze di Figaro è anche il racconto di una ricerca incessante d’amore, di un desiderio potente di riaffermazione dei suoi diritti, e di un equilibrio dei sentimenti – precario e sottile – sempre da riconquistare. La freccia ardente di Eros attraversa tutta la vicenda e obbliga ciascuno dei personaggi a confrontarsi con le ferite del cuore e gli imprevisti del desiderio. Mozart allestisce un teatro politico dei sentimenti che, senza mai rinunciare alla commedia, incide profondamente nella rete dei rapporti sociali (la Rivoluzione è alle porte) ma ci consente anche di cogliere la possibilità di un’armonia che non ha a che vedere solo con la fede religiosa, ma soprattutto con la fede in un’umanità migliore.

Personalmente, ho amato (e odiato) tutti i personaggi della storia, e il mio primo desiderio è stato quello di raccontare ciascuno di loro nella sua umana complessità, senza scorciatoie. Di qui, la necessità di dare spazio anche a personaggi solitamente poco indagati come Basilio, e soprattutto Marcellina, ripristinando le arie loro dedicate (e quasi sempre tagliate), nell’ultimo atto.

Kriistina Poska, che dirige l’orchestra in questa nuova edizione delle Nozze, ha seguito dall’inizio le prove di regia e ne ha condiviso ogni fase con un’attitudine estremamente empatica, consentendo in questo modo di moltiplicare le occasioni di dialogo.

Marco Rossi, autore delle scene, è stato con me dalle primissime fasi del progetto per dare forma al giardino-labirinto che si rivela per gradi, ossigenato fin dall’inizio dal verde del tavolo da biliardo e del piano inclinato della scena fino a “svelarsi” – nell’immagine notturna dell’ultimo atto – in tutta la sua magica profondità, come un enorme tavolo da gioco. Complessità e tenerezza, gioco e malinconia. Un affresco di società – che indossa i costumi vividi di un Settecento aggiornato con grinta e sapienza da Gianluca Sbicca – in cui “il popolo” è braccio armato di Figaro e protagonista delle incursioni “teatrali” da lui orchestrate al fine di ristabilire i diritti calpestati. Teatro nel teatro, gioco di specchi e scambio di ruoli. Un “sogno di una notte di primavera” in cui i due “promessi sposi” della lirica, insidiati dal potente di turno, si ricongiungono nel finale in un giardino illuminato dai raggi della luna (le luci sono di Cesare Accetta, artista e amico di sempre).

Il labirinto notturno che ha rivelato a Susanna e a Figaro, al Conte e alla Contessa e a tutti gli altri protagonisti del racconto le contraddizioni dei sentimenti, le insidie della ragione, la fragilità delle relazioni umane si chiude con l’immagine di un equilibrio riconquistato attraverso un gesto di perdono: un perdono laico, struggente, forse fuggevole, ma umanissimo.

LE NOZZE DI FIGARO

Commedia per musica in quattro atti K. 492
Libretto di Lorenzo Da Ponte
Musica di Wolfgang Amadeus Mozart
Editore proprietario: Bärenreiter-Verlag, Kassel
Nuovo allestimento del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino

Maestro concertatore e direttore Kristiina Poska
Regia Sonia Bergamasco
Scene Marco Rossi
Costumi Gianluca Sbicca
Luci Cesare Accetta
Movimenti coreografici Paolo Arcangeli

Il Conte di Almaviva Mattia Olivieri
La Contessa di Almaviva Serena Gamberoni
Susanna Valentina Mastrangelo
Figaro Simone Del Savio
Cherubino Miriam Albano
Marcellina Patrizia Cigna
Don Bartolo Adriano Gramigni
Basilio Dave Monaco
Don Curzio Claudio Zazzaro
Barbarina Costanza Fontana
Antonio Patrizio La Placa
Due contadine Elena Bazzo, Nadia Pirazzini

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino
Maestro del Coro Lorenzo Fratini
Aiuto regista João Aboim Carvalho
Aiuto costumista Rossana Gea Cavallo
Figuranti specialo Elena Barsotti, Gaia Mazzeranghi, Cristiano Colangelo, Giacomo Dominici, Pierangelo Preziosa

Allestimento, scene, attrezzeria e costumi Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
Costumi artiste donne realizzati dalla Sartoria del Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa
Costumi artisti uomini C.I.M.E.C., Milano – Costumi coro BASTE srl, Trieste – Calzature CTC, Milano –
Parrucche Audello Teatro, Torino

Con sopratitoli in italiano e inglese a cura di Prescott Studio, Firenze
con Inserra Chair (Montclair State University) e ICAMus, USA

eChiantiShop

redazione rossorubino

View posts by redazione rossorubino
La redazione di rossorubino.tv aggiorna quotidianamente il webmagazine con notizie e comunicati stampa dalla Toscana
Scroll to top
Pallium
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Gentilissimo Utente, con il presente documento ed in conformità all'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito solo “GDPR”) Le vengono fornite le informazioni relative ai trattamenti dei Suoi dati personali effettuati all'interno di questo Sito web. TITOLARE DEL TRATTAMENTO. Il Titolare del trattamento è la società Chianti Multi Service S.r.l., con sede in 50012 Bagno a Ripoli, Via Chiantigiana, 103/103A, codice fiscale e partita iva 04838940486, e-mail info@chiantimultiservice.it tel. 0550163423 (di seguito solo “Titolare”) TIPOLOGIE DI DATI RACCOLTI E TRATTATI. Il presente sito web acquisisce e tratta i seguenti dati personali: Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP, il tipo di browser utilizzato, il sistema operativo, il nome di dominio e gli indirizzi di siti web dai quali è stato effettuato l'accesso, le informazioni sulle pagine visitate dagli utenti all'interno del sito, l'orario d'accesso, la permanenza sulla singola pagina, l'analisi di percorso interno ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Ulteriori categorie di dati Si tratta di tutti quei dati personali forniti dal visitatore attraverso il sito, ad esempio, scrivendo ad un indirizzo di posta elettronica indicati nell'apposita sezione presente sul sito web per richiedere informazioni oppure telefonando ai numeri di telefono per avere un contatto diretto con il Titolare. Cookie Le informazioni dettagliate dei cookie utilizzati dal sito web sono riportate nell'apposita informativa posta in calce alla presente. FINALITÀ E BASE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO. I dati raccolti sono trattati per perseguire le seguenti finalità: (a) consentire al Titolare di rispondere alle richieste di informazioni pervenute mediante e-mail ovvero per telefono; in ragione del legittimo interesse di quest'ultimo a garantire un servizio efficace di riscontro al cliente o potenziale cliente; (b) consentire all'utente una corretta fruizione e navigazione sul sito in ragione del legittimo interesse del Titolare a fornire un servizio adeguato e corretto tramite il proprio sito web ovvero del consenso dell'utente. DESTINATARI DEI DATI. I predetti dati non saranno oggetto di diffusione e potranno essere comunicati, oltre che ai dipendenti e collaboratori del Titolare, alla società che incaricata della gestione, manutenzione e controllo del sito web. Tale soggetto potrà visionare i dati solo per le finalità sopra indicate ovvero per prevenire o accertare eventuali attacchi informatici al sito web. DIRITTI DELL'INTERESSATO Infine, Le ricordiamo che in qualsiasi momento, mediante comunicazione da inviare al Titolare ai recapiti sopra indicati, in presenza dei presupposti di legge, potrà esercitare l’accesso ed ottenere la cancellazione, l’aggiornamento, la rettificazione, la limitazione e l’integrazione dei dati personali che la riguardano, nonché esercitare tutti i diritti previsti dal Capo III del GDPR e leggi nazionali nelle materie di loro competenza, ove ne ricorrano le condizioni. Potrà inoltre ricevere in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico i dati personali che La riguardano. Conformemente a quanto previsto dall’art. 77 del Regolamento, può proporre reclamo all'Autorità di controllo della protezione dei dati competenti nel caso in cui ritenga che i Suoi diritti siano stati violati. Qualora il trattamento sia fondato sul nostro legittimo interesse potrà infine, in applicazione di quanto previsto dall’art. 21 del Regolamento, opporsi in qualsiasi momento al trattamento per motivi connessi alla Sua situazione particolare. INFORMATIVA COOKIE DEFINIZIONE GENERALE DI COOKIE. I Cookie sono pacchetti di informazioni inviate da un web server (es. il sito) al browser Internet dell'utente, da quest'ultimo memorizzati automaticamente sul computer e rinviati automaticamente al server ad ogni successivo accesso al sito. Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie. Tipicamente i cookie possono essere installati: (a) direttamente dal proprietario e/o responsabile del sito web (c.d. cookie di prima parte); (b) da responsabili estranei al sito web visitato dall'utente (c.d. cookie di terza parte). Ove non diversamente specificato, si rammenta che questi cookie ricadono sotto la diretta ed esclusiva responsabilità dello stesso gestore. Ulteriori informazioni sulla privacy e sul loro uso sono reperibili direttamente sui siti dei rispettivi gestori. TIPOLOGIE DI COOKIE. Questo sito web può utilizzare, anche in combinazione tra di loro i seguenti tipi di cookie classificati in base alle indicazioni del Garante Privacy e dei Pareri emessi in ambito Europeo dal Gruppo di Lavoro ex art. 29 del GDPR: Sessione, sono i cookie che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e si cancellano con la chiusura del browser, sono strettamente limitati alla trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti. Persistenti, sono i cookie che rimangono memorizzati sul disco rigido del computer fino alla loro scadenza o cancellazione da parte degli utenti/visitatori. Tramite i cookie persistenti i visitatori che accedono al sito (o eventuali altri utenti che impiegano il medesimo computer) vengono automaticamente riconosciuti ad ogni visita. I visitatori possono impostare il browser del computer in modo tale che accetti/rifiuti tutti i cookie o visualizzi un avviso ogni qual volta viene proposto un cookie, per poter valutare se accettarlo o meno. L'utente può, comunque, modificare la configurazione predefinita e disabilitare i cookie (cioè bloccarli in via definitiva), impostando il livello di protezione più elevato. Tecnici, sono i cookie utilizzati per autenticarsi, per usufruire di contenuti multimediali tipo flash player o per consentire la scelta della lingua di navigazione. In generale non è quindi necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente. Rientrano in questa fattispecie anche i cookie utilizzati per analizzare statisticamente gli accessi/le visite al sito solo se utilizzati esclusivamente per scopi statistici e tramite la raccolta di informazioni in forma aggregata. Non tecnici, sono tutti i cookie usati per finalità di profilazione e marketing. Il loro utilizzo sui terminali degli utenti è vietato se questi non siano stati prima adeguatamente informati e non abbiano prestato al riguardo un valido consenso secondo la tecnica dell'opt-in. Questi tipi di cookie sono, a loro volta, raggruppabili in base alle funzioni che assolvono in: Analitycs. sono i cookie utilizzati per raccogliere ed analizzare informazioni statistiche sugli accessi/le visite al sito web. In alcuni casi, associati ad altre informazioni quali le credenziali inserite per l'accesso ad aree riservate (il proprio indirizzo di posta elettronica e la password), possono essere utilizzate per profilare l'utente (abitudini personali, siti visitati, contenuti scaricati, tipi di interazioni effettuate, ecc.). Widgets, rientrano in questa categoria tutti quei componenti grafici di una interfaccia utente di un programma, che ha lo scopo di facilitare l'utente nell'interazione con il programma stesso. A titolo esemplificativo sono widget i cookie di facebook, google+, twitter. Advertsing, rientrano in questa categoria i cookie utilizzati per fare pubblicità all'interno di un sito. Google, Tradedoubler rientrano in questa categoria. Web beacons, rientrano in questa categoria i frammenti di codice che consentono a un sito web di trasferire o raccogliere informazioni attraverso la richiesta di un'immagine grafica. I siti web possono utilizzarli per diversi fini, quali l'analisi dell'uso dei siti web, attività di controllo e reportistica sulle pubblicità e la personalizzazione di pubblicità e contenuti. GESTIONE/DISABILITAZIONE DEI COOKIE. In alcuni browser è possibile impostare le regole per gestire i cookie, opzione che offre un controllo più preciso sulla Sua privacy. Ciò significa che è possibile disabilitare i cookie utilizzati da questo sito ovvero compiere una scelta specifica per ciascun di essi. Di seguito Le indichiamo le pagine dove sono riportate le istruzioni per la disabilitazione dei Cookie per i più diffusi browser: Internet Explorer Firefox Safari Chrome Opera MODIFICHE ALL'INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE L'eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, come anche il costante esame ed aggiornamento dei servizi all'utente, potrebbe comportare la necessità di modificare le modalità e i termini descritti nella presente Informativa privacy e cookie. Sarà pertanto possibile che tale documento subisca modifiche nel tempo. La invitiamo, pertanto, a consultare periodicamente questa pagina. Il Titolare provvederà a pubblicare eventuali modifiche alla presente Informativa privacy e cookie. Le versioni precedenti della presente Informativa saranno, in ogni caso, archiviate per consentirne la consultazione. Chianti Multi Service S.r.l.

Chiudi