adv

A due anni dalla scomparsa, lo ricordiamo volentieri con questa esposizione di inediti che non mancherà di far tornare a parlare di questo grande artista nella città che lo ha adottato e ha ispirato tutta la sua opera.

Nel corso della sua vita Cavallini è entrato in contatto con le maggiori personalità del mondo artistico, politico e culturale dell’epoca. Ritrasse Konrad Adenauer, donò il bozzetto in bronzo dell’ “Inno alla Vita” a Papa Giovanni Paolo II e il Principe Ranieri di Monaco acquistò “Passo a Due”, collocato nel Giardino Grace Kelly  nel Principato di Monaco e “Fraternità”, oggi alla Stazione ferroviaria di Montecarlo.

Inaugurazione Giovedì 4 Ottobre ore 17.30

adv