adv

L’edizione numero XXXI di uno dei Festival più longevi della Toscana, Suoni e Colori in Toscana, che si svolgerà sul territorio di Rignano sull’Arno in diverse location – come da tradizione – nasce sotto l’insegna del coraggio. Il coraggio di portare avanti una tradizione culturale, nel rispetto delle regole del distanziamento per gli spettacoli post-Covid, con la consapevolezza che, anche cambiando le regole, un festival del genere si può e si deve fare.

Per questo il Comune di Rignano – e il direttore artistico Fabrizio Checcacci – hanno deciso di non stare fermi ma di rilanciare la formula del festival, sia nel numero degli spettacoli (che quest’anno sono sette, uno in più della precedente edizione) sia nella qualità della proposta, creando così un cartellone che spazia dal teatro al jazz, dalla classica alla sperimentazione: si va da un nome prestigioso del nostro cinema come quello di Giorgio Tirabassi che fa uno spettacolo sul genio di Django Reinhard, alle poetiche sperimentazioni vocali di Albert Hera, dal Cabaret Mistico di Andrea Kaemmerle alla chitarra virtuosa di Finaz della Bandabardò, dalla collaborazione con il Maggio Musicale Fiorentino che di anno in anno si rinnova a preziose escursioni nel mondo del musical (con Heron Borelli e Daniela Pobega), del jazz e della bossa nova (con il trio Talenti/Polidori/Rossini).

Le location prescelte per questo Festival (Il Castello di Volognano, la Pieve di San Leolino e San Pietro in Perticaia, a cui quest’anno si aggiungono la Sala Iris in Località Cellai e Piazza della Vittoria, piazza centrale di Rignano sull’Arno) avranno un numero ristretto di posti e, a causa delle restrizioni dovute alle norme di sicurezza anti-Covid, si potrà accedere alle serate solo previa prenotazione ai numeri 055 8347833 – 055 8347820 (in orario d’ufficio) o via mail scrivendo a contatti@macchinadelsuono.it o l.miraglia@comune.rignano-sullarno.fi.it, con ritiro e pagamento del biglietto presso il comune di Rignano sull’Arno almeno 24 ore prima del concerto. In caso di mancata conferma i posti verranno di nuovo resi disponibili.

adv

Qualora le prenotazioni risultassero superiori alla capienza, gli spettacoli saranno trasmessi in streaming su piattaforme informatiche a numero chiuso che verranno indicate alle prenotazioni in eccesso volta per volta.

cultura@comune.rignano-sullarno.fi.it – www.comune.rignano-sullarno.fi.it
Il concerto del 30 Agosto è ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.
Info 055 8347833 – 055 8347820

Programma

Domenica 30 Agosto
ARIE D’OPERA
In collaborazione con il Maggio Musicale Fiorentino
PIEVE DI SAN LEOLINO – ORE 18:30
INGRESSO GRATUITO
Anche quest’anno si rinnova la collaborazione con il Maggio Musicale Fiorentino, che porterà al festival Suoni e Colori i migliori allievi della sua accademia musicale per una serata improntata alle più famose arie d’opera.

Martedì 1 Settembre
“DJANGO REINHARDT, IL FULMINE A TRE DITA”
Giorgio Tirabassi e ‘Hot Club Roma’
SAN PIERO IN PERTICAIA – ORE 21:15

Ideato dal chitarrista romano Gianfranco Malorgio dell’Hot Club Roma in collaborazione con il direttore artistico del Festival Jazz Tradizionale di Lanciano Renato Gattone, lo spettacolo di musica e parole racconterà al pubblico la vita del più grande jazzista europeo, icona indiscussa dello stile Manouche, all’apice del successo negli anni Trenta e Quaranta. Giorgio Tirabassi, attore di indiscusso talento, è anche un grande appassionato di chitarra. In Django Reinhardt, il fulmine a tre dita riveste il duplice ruolo di narratore e musicista: attraverso la lettura e la recitazione, racconta i passi e gli aneddoti più significativi della vita del grande jazzista gipsy. Fra momenti ironici e passaggi commoventi, lo spettatore si ritroverà proiettato nell’Europa delle sale da ballo della Parigi dell’epoca precedente alla Seconda guerra mondiale, percependone le atmosfere come avviene guardando in un film in bianco e nero.

Giovedì 3 Settembre
ALBERT HERA in SOLOS
CASTELLO DI VOLOGNANO – ORE 21.15

“Solos” è uno spettacolo unico creato dallo straordinario talento vocale di Albert Hera.
Ispirandosi alla figura africana del griot, Albert Hera si propone come un narratore di suoni che attraverso la sua voce guida il pubblico in un suggestivo viaggio nella musica attraverso spazio e tempo. I racconti vocali conducono il pubblico dalla musica classica al jazz, blues, world music, sperimentale, elettronica così come brani originali. Lo stile unico di Albert Hera è caratterizzato dal potere evocativo del linguaggio dei suoni oltre le parole, suoni che raccontano immagini e luoghi lontani, suoni che evocano la storia della sua vita che da formidabile sassofonista lo ha portato a trovare nella voce la sua piena espressività artistica. “Solos” è uno spettacolo senza uguali, in cui l’improvvisazione condita da elementi teatrali è il modo per condividere con il pubblico la vera essenza del fare musica e del fare arte.

Sabato 5 Settembre
TALENTI-POLIDORI-ROSSINI TRIO
PIAZZA DELLA VITTORIA – ORE 21.15

Una serata all’insegna dei grandi classici della bossa nova e latin jazz con tre dei migliori talenti toscani.

Martedì 8 Settembre
FINAZ
Guitar Solo
SALA IRIS, Località Cellai – ORE 21.15

Finaz, chitarrista della Bandabardò più volte premiato come miglior chitarrista italiano, porta al festival il suo concerto solista, con brani originali dal suo repertorio e rielaborazioni per chitarra sola. Finaz guitar solo è un concerto di chitarra acustica, ma non solo. Il progetto si realizza attraverso un rapporto totale tra il musicista e lo strumento, portando le possibilità sonore della Martin di Finaz alla massima espansione. Basato quasi completamente su composizioni originali, il concerto si presenta come un omaggio alla sei corde che, di brano in brano, si trasforma in una piccola orchestra: dalla chitarra acustica escono suoni di batteria, basso, sezioni di fiati, tutti giocati sul sottile filo da equilibrista del virtuoso chitarrista toscano. Il tutto senza basi, loop o parti registrate di alcun tipo. Finaz si muove sicuro tra reggae e psichedelia, virtuosismo e intensità espressiva, polifonicità e romanticismo, supportato dalla sua solidissima tecnica fingerpicking, per un concerto che se è certamente un must per chitarristi e appassionati di chitarra, non manca di coinvolgere anche il pubblico più lontano dal culto della sei corde.

Giovedì 10 Settembre
HERON BORELLI e DANIELA POBEGA
CASTELLO DI VOLOGNANO – ORE 21.15

Due dei maggiori interpreti del musical italiano in una serata omaggio al teatro musicale italiano e internazionale. Heron Borelli è stato Febo e Gringoire nel Notre Dame originale e ha ricoperto numerosi ruoli in musical importati a livello internazionale. Daniela Pobega è l’artista italiana con le maggiori performance nel tempio del musical: è stata la voce principale di Dirty Dancing a Londra e Naala del Re Leone a Madrid per molti anni, oltre ad avere interpretato in patria, ruoli da protagonista in Pinocchio, Jesus Christ Superstar e Little Shop of Horror, tra gli altri.

Sabato 12 Settembre
ANDREA KAEMMERLE
CABARET MISTICO
SALA IRIS, Località Cellai – ORE 21.15

Torna al festival Suoni e Colori Andrea Kaemmerle e il suo soldato Svejk.
Il clown-soldato Svejk con i capelli stopposi da spaventapasseri ingenuo e tonto e il naso rosso da ubriacone, ci racconterà aneddoti e ci darà consigli per saltare gli ostacoli della vita e ridere sulle angosce e le paure più comuni. E così in un vortice travolgente di musiche Balcanike e storielle consolatorie e corroboranti (che da ogni parte del mondo ci vengono tramandate), trascorreremo una serata vulcanica, comica, dissacratoria e tragicamente profetica. Cabaret perché Svejk/Kaemmerle giocherà con il pubblico più di sempre con la sua solita e poetica cattiveria trasognata, Mistico perché si lascerà condurre dalle energie della serata coinvolgendoci in un viaggio di cui potremmo non conoscere la fine.