Presepe, significato e storia del simbolo più evocativo del Natale

Don Umberto Cavini ci porta alla scoperta del valore più antico della parola Presepe

Tartufi Calugi Verticale

La chiesa di San Martino a Strada o ai Cipressi si trova in località San Martino, nei pressi di Grassina, una frazione di Bagno a Ripoli, in provincia di Firenze, qui ho il piacere di raccogliere la testimonianza di Don Umberto.

La storia del presepe affonda nella mistica francescana” – racconta Don Umberto Cavini, Chiesa di San Martino a Bagno a Ripoli – “nell’atto che ha compiuto Francesco d’Assisi tre anni prima della sua morte a Greccio”

Greccio è definito “Il Santuario del Presepe”, il luogo nel quale San Francesco, nella notte del Natale del 1223 rappresentò con personaggi viventi la natività. Dopo aver percorso una lunga scalinata si arriva alla chiesina di San Luca, cuore e centro del luogo santo. Nella grotta in cui fu realizzato l’evento infatti,  fu costruita una cappella e sul masso che servì da mangiatoia, un piccolo altare.

“Le statue più rappresentative sono sicuramente Maria e Giuseppe che assistono Gesù” – prosegue Umberto – “gli animali dietro sono il segno di Francesco, che raduna in quella stalla anche gli animali, ed anche il segno di come ci sia una partecipazione di tutto l’universo vivente a questo mistero.”

Nel presepe sono presenti anche i pastori ed i Magi che vengono dall’oriente guidati dalla stella.

“Quando lo vedono si prostreranno davanti a lui” – prosegue Umberto – ”i pastori invece sono personaggi particolari, sono chiamati dall’Angelo a partecipare a questo mistero. Sono l’immagine di quegli uomini e quelle donne che vivono ai margini della civiltà cittadina. Sono infatti uomini e donne che vivono ancora esperienze di nomadismo, rappresentano il popolo di Israele. Un modo per far partecipare ancora questa civiltà, sempre in cammino ed in perenne movimento, per raggiungere e scoprire che è vero quello che credono.”

eChiantiShop

Milko Chilleri

View posts by Milko Chilleri
Giornalista e VideoReporter, i miei primi compagni il video e la musica, mixati alla certezza che il suono e l'immagine riescono a parlare con tutti.
Scroll to top
Pallium
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: