“Premio Fiora”, un premio per l’arte contemporanea

Un progetto artistico che mira a contribuire a una coscienza ecologica sulla questione dell'acqua

Storica Fattoria Palagiaccio

Un premio per l’arte contemporanea aperto a tutti gli artisti, giovani e meno giovani, emergenti e professionisti, con un tema specifico: “le forme dell’acqua”.

È stato presentato alla stampa giovedì 21 febbraio 2019 a Firenze nel Palazzo del Consiglio Regionale della Toscana il bando della prima edizione del Premio Fiora, un complesso e articolato progetto artistico pluriennale, che mira ad attivare processi di sensibilizzazione sociale e culturale sul significato, il valore e il consumo della risorsa idrica, fondamentale per l’intera umanità.

Il Premio ha il patrocinio della Regione Toscana, Provincia di Grosseto, il patrocinio, il sostegno e la collaborazione di Comune di Grosseto e Comune di Siena.

Officina dei Saponi

Sono intervenuti alla conferenza stampa Emilio Landi, Presidente di Acquedotto del Fiora Spa, la vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni, il presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani, il consigliere Leonardo Marras. E ancora l’assessore ai Servizi Educativi del Comune di Grosseto Chiara Veltroni, il consigliere del Comune di Siena Francesco Mastromartino e la curatrice del Premio, la storica dell’arte Alessandra Barberini.

“È un progetto scaturito dal desiderio di assumere direttamente un ruolo propositivo nell’ambito della produzione culturale, dopo anni di partnership e sostegno economico a progetti culturali diffusi sul territorio in cui opera Acquedotto del Fiora – commenta il presidente Emilio Landi – Il nostro obiettivo è, partendo dal pensiero di Bauman, stimolare la riflessione sulla grande sfida che siamo chiamati ad affrontare per il prossimo futuro: la formazione del pensiero critico dei cittadini sul tema dell’acqua. Stiamo infatti vivendo un momento di epocale cambiamento, in cui è necessario ripensare ogni aspetto della vita umana al fine di salvaguardare una risorsa così preziosa e indispensabile”.

A chi è rivolto il bando
Il concorso è aperto ad artisti, designer, architetti, grafici, creativi, artigiani-artisti, orafi, italiani e stranieri, siano essi emergenti o professionisti, senza distinzioni di sesso o altra qualificazione, che al momento della data di scadenza del bando abbiano compiuto il diciottesimo anno d’età.

Ogni artista può partecipare con più progetti. L’estrema libertà stilistica, tecnica ed espressiva è ammessa e benvoluta, così come le contaminazioni, le tecniche miste, sperimentali, l’arte digitale, la computer grafica e così via, su qualsiasi tipo di supporto, a discrezione dell’artista, purché attinente e funzionale all’interpretazione e rappresentazione del tema. Ai partecipanti si richiede la presentazione di un progetto unico o unico portfolio composto da un minimo di 3 ad un massimo di 5 opere facenti parte dello stesso lavoro. Per partecipare al bando – consultabile sul sito www.premiofiora.it – c’è tempo fino al 15 maggio 2019.

Premiazioni
Una giuria di qualità selezionerà, sulla base delle immagini fotografiche inviate dagli artisti in fase d’iscrizione, 100 progetti finalisti che saranno esposti nel corso di una grande mostra collettiva nella città di Grosseto nel prossimo giugno/luglio. La giuria di qualità, durante la mostra dei progetti finalisti, valuterà dal vivo le opere presentate e sceglierà i due progetti vincitori, uno per gli Under 29 e uno per gli Over 30, oltre all’assegnazione di menzioni speciali per i progetti meritevoli. I vincitori saranno, poi, protagonisti di due mostre personali ospitate in prestigiose sedi museali nella città di Siena, a partire da ottobre 2019.

“Dall’acqua nasce la Vita e dalle acque delle sue preziosi fonti si erge la città di Siena – commenta Luigi De Mossi, Sindaco di Siena, per mezzo del consigliere Mastromartino – L’acqua dunque non è solo un elemento naturale ma simboleggia la vita e con la prima edizione del Premio Fiora l’acqua diventa arte, diventa cultura. La città di Siena è dunque orgogliosa di ospitare le personali dei due vincitori del concorso nell’Ex Convento di San Marco ed in altre prestigiose sedi cittadine”.

Per favorire l’ingresso degli artisti vincitori nel mercato dell’arte, infine, Acquedotto del Fiora Spa ha deciso di acquisire le opere vincitrici – investendo un budget complessivo fino a 5 mila euro – per gettare le fondamenta della collezione corporate di arte contemporanea di Acquedotto del Fiora Spa.“ Abbiamo accuratamente scelto il tema per condurre, attraverso i linguaggi della creatività, una ricerca approfondita del nostro stare al mondo e nel mondo – spiega Alessandra Barberini, curatrice ed ideatrice del Premio – il concetto di liquidità, naturalmente legato all’acqua, nel contesto contemporaneo offre innumerevoli spunti. Inoltre, lo strumento del concorso ci permette di valutare e selezionare artisti validi per il lancio e l’inserimento nel mercato dell’arte e del collezionismo. Per questo motivo chiediamo di candidarsi presentando un estratto di progetto e non una singola opera: vogliamo valutare la qualità e professionalità degli artisti e promuoverli attraverso le azioni mirate inserite già in bando. I premi che verranno attribuiti ai vincitori sono funzionali al raggiungimento di questo ambizioso obiettivo.

“Siamo orgogliosi di ospitare sul nostro territorio un premio di così largo respiro – ha fatto sapere il Sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, per mezzo dell’assessore Chiara Veltroni – e, soprattutto, di tenere a battesimo la prima di una lunga serie, ci auguriamo, di edizioni. La nostra città vuole essere protagonista attiva nel panorama nazionale dell’arte contemporanea e questo premio, che ha l’ambizione di captare nuove tendenze e proporre nuovi linguaggi, è un’occasione preziosa”.

Acquedotto del Fiora S.p.A.
Acquedotto del Fiora S.p.A. (di seguito anche “Acquedotto del Fiora” “AdF” o “Fiora”), è il Gestore Unico del Servizio Idrico Integrato (S.I.I.) nella Conferenza Territoriale Ottimale n.6 “Ombrone” (ex ATO 6) che comprende tutti i Comuni della Provincia di Grosseto e 27 dei Comuni della Provincia di Siena. Come Gestore del S.I.I. si occupa dell’insieme dei servizi di captazione, trattamento e distribuzione di acqua potabile, nonché del collettamento e della depurazione delle acque reflue. Ha inoltre funzioni accessorie funzionalmente connesse e correlate ai servizi principali. Si è costituita come Consorzio di Comuni con delibera n. 477 del 12 luglio 1983 della Regione Toscana.

A seguito del profondo processo di riorganizzazione del settore idrico si è trasformata prima in Azienda Speciale, poi in Società per Azioni e dall’1.1.2002 la Società è diventata Gestore Unico del Servizio Idrico Integrato. Nel 2004, recependo il quadro normativo introdotto dalla L.36/1994 (cd “Legge Galli) e dalla normativa comunitaria, a seguito della gara indetta per la scelta del Socio Privato al quale affidare il 40% del capitale sociale, si dà avvio alla gestione “mista” pubblico-privata: il 60% del capitale sociale è posseduto dai 55 Comuni che formano la Conferenza Territoriale Ottimale n.6 “Ombrone” ed il 40% da Ombrone SpA, il cui principale azionista è ACEA SpA, una delle principali multiutility italiane.

Mediapartners
Il Premio ha la mediapartnership di Exibart – punto di riferimento per gli appassionati di arte, design, architettura, moda, musica, cinema, teatro e cultura contemporanea – che ha così riconosciuto la qualità ed il valore del progetto. Inoltre la comunicazione del Premio Fiora è seguita anche da Art Connections, realtà che opera nel settore dell’arte a livello stampa, web e televisione.

eChiantiShop

redazione rossorubino

View posts by redazione rossorubino
La redazione di rossorubino.tv aggiorna quotidianamente il webmagazine con notizie dalla Toscana
Scroll to top
Pallium
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: