adv

Ultimi giorni alle Scuderie medicee di Poggio a Caiano per la temporanea Soffici e Carena. Etica e natura, al Museo Soffici e del ‘900 italiano fino a sabato 11 gennaio. Le opere di Ardengo Soffici e Felice Carena, oltre settanta in mostra, accompagnano il visitatore lungo un percorso espositivo che ripercorre convergenze, affinità, e una sintetica visione antologica del loro gusto e della loro arte attraverso paesaggi, nature morte, figure, ma anche documenti poco noti e alcuni inediti, come i due autoritratti. La mostra è visitabile dal giovedì alla domenica, con orario 10-13 / 14,30-18.30, ingresso 5 euro intero, gratuito fino a 18 anni.

L’esposizione mette a fuoco le vicende storico-artistiche di due degli autori più interessanti del Novecento, spiriti affini, uniti anche da una sincera amicizia, e ne abbraccia l’intero arco produttivo. Dalla pittura intimista di Carena il percorso di visita si evolve lungo le esperienze parigine di Soffici in ambito postimpressionista, ne racconta il periodo cubofuturista fino al realismo dei valori plastici; non mancano di Carena i dipinti realizzati negli anni Trenta, in cui l’autore si affida alla sperimentazione della materia cromatica, alla trasparenza dei toni, al gusto della composizione, e opere del periodo veneziano dove prevale un sempre più affinato itinerario spirituale. I paesaggi, di cui entrambe gli autori regalano scorci e punti di osservazione originali con Poggio a Caiano – e la Versilia – protagonista nei dipinti di Soffici, insieme alle figure e le nature morte completano l’allestimento.

La mostra, a cura di Luigi Cavallo, con la collaborazione di Oretta Nicolini e Luigi Corsetti, è promossa dal Comune di Poggio a Caiano con il patrocinio della Regione Toscana.