adv

Si chiama “Lune di Musica” ed è la rassegna concertistica che si terrà nei mesi di luglio e agosto a Palazzuolo sul Senio, uno dei “Borghi più Belli d’Italia“. A organizzarla il Comune in collaborazione con il Gruppo Bandistico Savoi, la Scuola comunale di musica Sarti, la Pro Loco e col contributo di Fondazione CR Firenze. La direzione artistica è curata da Donato D’Antonio e Michele Soglia.

Dieci appuntamenti estivi con la “musica sotto le stelle” in piazza Alpi e piazza Strigelli. Si inizia il sabato 4 luglio alle 21 con “Lo splendore degli ottoni” con il quintetto di ottoni “Gabrielli” che eseguiranno sinfonie classiche, tra cui Purcell, Bach, Haendel.

Si prosegue sabato 11 luglio con “Una Belle Époque popolare”, sabato 18 luglio con “Magiche sonorità di percussioni e pianoforte” e sabato 25 luglio con “Beethoven e Mozart, due geni a confronto”

Nell’ambito del Festival “Leggere in Appennino”, a cura dell’associazione culturale Palazzuolo per le Arti”, venerdì 31 luglio (pomeriggio) e sabato 1 agosto (mattina e pomeriggio) si esibirà il “Duetto Amoroso” mentre domenica 2 agosto (mattina e pomeriggio” ad esibirsi sarà “Copper&Zinc”.

Ad agosto “Lune di musica” propone: “Tango tres guarda vieja”, sabato 8; “Jazz a Ferragosto”, sabato 15; “The latin itch”, sabato 22.

I concerti sono a ingresso contingentato, con posti numerati, come previsto dalle misure anti-Covid, e in caso di maltempo si terranno presso la Casa del Villeggiante.

Quintetto di Ottoni “Gabrieli”

Il Quintetto di Ottoni “Gabrieli” si è formato all’interno del Conservatorio di Milano ed è stato voluto da Luigi Bascapè docente di tromba nello stesso istituto. La sua volontà è partita dalla richiesta del Direttore del Conservatorio che ha voluto che si portasse nelle scuole milanesi la musica a tutti livelli e con ogni sorta di strumento.

Da lì l’idea di creare un gruppo che portasse la musica nelle scuole ma che fosse anche un laboratorio di lavoro con gli allievi ed ex allievi, coadiuvati dagli insegnanti, e potesse essere anche finalizzato a concerti, tenuti perlopiù nel Nord Italia, per avviare gli allievi alla professione con scadenze programmate.

Una grande collaborazione fra Docenti e alunni attivata  in particolar modo dai Maestri Luigi Bascapè, già prima Tromba dell’Orchestra Sinfonica della Rai di Milano e Angelo Borroni, docente di Corno nello stesso conservatorio, musicista che vanta  una fittissima attività concertistica (Teatro alla Scala di Milano, Orchestra Sinfonica della Rai di Milano,  Arena di Verona ecc).

I componenti del Quintetto sfruttano in modo fantasioso le qualità e potenzialità dei singoli strumenti, facendone conoscere al pubblico tutte le possibilità tecniche ed espressive spaziando attraverso musiche di ogni epoca e genere.