Lu.C.C.A., in mostra il genio di Fortunato Depero

L'esposizione, a cura di Maurizio Scudiero e Maurizio Vanni, sarà aperta al pubblico dal 10 maggio al 25 agosto al Lucca Center of Contemporary Art

CMT_Orizzontale

Il Lu.C.C.A.Lucca Center of Contemporary Art compie 10 anni: si rifà il trucco all’insegna della tecnologia e dell’interattività e il 10 maggio 2019 riapre la stagione con “Fortunato Depero. Dal sogno futurista al segno pubblicitario”. Eclettico, ironico e visionario, Fortunato Depero è stato uno dei maggiori rappresentanti del Futurismo. La mostra, a cura di Maurizio Scudiero, storico di riferimento per il Futurismo, e Maurizio Vanni, museologo e storico dell’arte, è organizzata dal Lu.C.C.A. e da Omina in collaborazione con l’Archivio Depero di Rovereto. Resterà aperta fino al 25 agosto 2019.

Ottanta opere ricostruiscono la produzione creativa di Depero, che lo vide ben presto avvicinarsi al mondo industriale e della pubblicità. “Per garantire la migliore fruibilità della mostra – spiega Maurizio Vanni, che è anche Direttore Generale del Lu.C.C.A. – la nostra struttura offre un chatbot che consente ai visitatori di ricevere informazioni sul proprio cellulare sulle opere che stanno guardando, in italiano e inglese. Parallelamente un impianto di localizzazione ci consente di capire quali siano le opere più attrattive per il pubblico, così da poter rispondere in modo sempre più mirato ai suoi reali interessi”. La tecnologia – sviluppata grazie alla collaborazione con le aziende Thinkinside per la parte di localizzazione e Dimension per il chatbot – è dunque funzionale al miglioramento delle performance del museo, ma anche finalizzata a creare un’esperienza personalizzata.

La localizzazione, effettuata tramite dispositivi mobili e/o TAG (piccoli dispositivi consegnati all’ingresso), sarà l’elemento abilitante per innescare dei servizi in tempo reale su cellulari e/o tablet con app dedicata e su audioguida. Grazie al posizionamento all’interno del museo, sarà infatti possibile contestualizzare la visita e automaticamente veicolare il contenuto informativo in base all’opera che il visitatore si trova di fronte per rendere l’esperienza di visita più digitale e coinvolgente.

Officina dei Saponi

Un altro aspetto su cui si è puntato è la multicanalità dell’interazione con i visitatori tramite un chatbot: una guida personale, con la quale interagire, che suggerirà le opere e i punti di maggiore interesse durante la visita.

La proposta espositiva si snoda tra capolavori provenienti da importanti collezioni italiane che raccontano il sogno futurista di Fortunato Depero dal 1914 fino alla prima metà degli anni Venti per poi approdare al segno pubblicitario con disegni, collage e grafiche per le campagne dell’Acqua San Pellegrino, del liquore Strega, del mandorlato Vido, dei mattoni Verzocchi, del tamarindo Erba, del cioccolato Unica, ma soprattutto per l’azienda Campari a cui è dedicata un’intera sala. Depero rivoluzionò i criteri del manifesto pubblicitario e ne rivide anche l’impostazione puntando soprattutto sul carattere tipografico considerato elemento caratterizzante e simbolo del prodotto. In mostra non manca la documentazione delle sue collaborazioni nel campo dell’editoria come quelle per La Rivista illustrata del Popolo d’Italia e per la stampa periodica americana come Vogue, Vanity Fair, Sparks e The News Auto Atlas.

“L’esposizione ha un impianto che si potrebbe definire didattico in quanto accosta le opere pubblicitarie con i disegni esecutivi finali, o di progetto – commenta Maurizio Scudiero -. Viene così svelato il procedimento della nascita dei suoi prodotti artistici, ovvero dall’ideazione all’esecuzione finale, ma anche come le sue idee si muovessero trasversalmente nel tempo: nessun progetto bocciato veniva buttato via, ma conservato in attesa di tempi migliori e quindi riproposto”.

Depero ha dimostrato di essere un artista fuori dagli schemi che seppe anticipare i tempi, innovando il linguaggio dell’arte e della pubblicità. Non a caso nel suo Manifesto sull’Arte Pubblicitaria Futurista propugna che “l’arte dell’avvenire sarà potentemente pubblicitaria”.

La mostra ha ottenuto il patrocinio di Regione Toscana, Provincia di Lucca, Comune di Lucca, Camera di Commercio di Lucca, Confindustria Toscana Nord, Confcommercio Province di Lucca e Massa Carrara, Confesercenti Toscana Nord, Confartigianato Imprese Lucca ed è realizzata con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Gesam Gas+Luce.

Per info:
Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art
Via della Fratta, 36 – 55100 Lucca tel. +39 0583 492180
www.luccamuseum.com info@luccamuseum.com

Orario mostra:
Da martedì a domenica ore 10-19
Chiuso il lunedì e il 15 agosto

Enjoy Chianti

redazione rossorubino

View posts by redazione rossorubino
La redazione di rossorubino.tv aggiorna quotidianamente il webmagazine con notizie dalla Toscana
Scroll to top
Pallium
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: