adv

L’Istituto Agrario di Firenze presenta Enofood.com, il percorso di formazione per tecnici superiori che avranno il compito di valorizzare nel mondo il settore agrario e agroalimentare toscano. Giovedì 11 ottobre, alle 15.00, l’aula magna della scuola di via delle Cascine ospiterà una giornata rivolta ai giovani tra i 18 e i 29 anni in cui sarà presentato il programma didattico del prossimo biennio e in cui sarà possibile avere un primo incontro con le tante aziende coinvolte nelle 1.200 ore di lezioni in aula e nelle 800 ore di tirocinio. L’Open Day fiorentino, a partecipazione libera e gratuita, rappresenterà l’ultima occasione per ottenere informazioni in vista della scadenza delle iscrizioni (prorogata a giovedì 18 ottobre) e dell’inizio delle lezioni di martedì 30 ottobre.

Enofood.com è promosso dalla Fondazione Its EAT – Eccellenza Agroalimentare Toscana che opera in stretta sinergia con le aziende, le associazioni e le istituzioni regionali per proporre una formazione post-diploma di alta specializzazione orientata ad aumentare la competitività del settore primario. L’ambizione è di creare un collegamento tra i giovani e il mondo del lavoro, attraverso la formazione di professionisti in ruoli innovativi di cui le imprese agrarie e agroalimentari hanno bisogno per vivere un’ulteriore fase di crescita. L’organizzazione di Enofood.com risponde proprio a queste esigenze e accompagnerà venticinque allievi all’acquisizione di tutte le competenze legate alla valorizzazione, alla comunicazione e al marketing dell’agribusiness toscano. Particolare attenzione sarà rivolta ad una delle eccellenze regionali maggiormente conosciute e ricercate nel mondo, il vino, con lezioni e stage portati avanti insieme ai produttori e agli imprenditori legati al Consorzio del Vino Chianti Classico, alla denominazione di San Gimignano e al Vino Nobile di Montepulciano. Il settore enologico è anche un fattore di attrattività turistica e, di conseguenza, gli allievi di Enofood.com riceveranno nozioni anche per configurare le aziende sempre più come luoghi di esperienze in cui i clienti possano sentirsi coinvolti in un percorso di conoscenza della realtà e del territorio.

Al termine del percorso, i tecnici avranno anche le capacità per gestire i rapporti commerciali e il lancio di prodotti enogastronomici, per analizzare le domande dei mercati emergenti e proporre soluzioni innovative, o per implementare le strategie di marketing e di comunicazione anche attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie. «Il settore primario sta cambiando – spiega Paola Parmeggiani, direttrice della Fondazione Its EAT, – e sta diventando all’avanguardia, puntando sempre più su una dimensione esperienziale e investendo anche sui social network. Enofood.com nasce da un confronto con le aziende, in primis quelle del settore enologico, volto ad individuare le nuove strategie per farle crescere e per formare quei professionisti da inserire in ruoli innovativi ma sempre più importanti. Prima dell’inizio dei corsi, dunque, invitiamo i giovani all’Open Day dell’11 ottobre».

adv