adv

Si muove su un doppio registro lo spettacolo “L’inquilino. Radiodrammaticomico”, giocato abilmente su due piani paralleli: quello della lettura ‘on air’ di un romanzo per un fantomatico programma radiofonico e le stravaganti dinamiche tra gli attori protagonisti che danno vita a sketch comici dal ritmo serrato e molto coinvolgente.

In uno studio di registrazione quattro attori radiofonici – interpretati da Roberto Andrioli, Fabrizio Checcacci, Lorenzo Degl’Innocenti e Elena Talenti – si apprestano a trasmettere il radiodramma tratto dal romanzo “L’Inquilino” di Marco Vichi. Il problema però è che uno degli attori, già impegnato con un altro lavoro online, all’ultimo momento deve sostituire il rumorista, altri due sono amanti litigiosi e il quarto sembra più preoccupato a chattare. E nonostante nelle pause, tra stralunati spot pubblicitari, succeda proprio di tutto, ad ogni conto alla rovescia prima della messa in onda gli attori tornano a concentrarsi ai loro microfoni per recitare il testo senza errori.

“L’inquilino. Radiodrammaticomico” nasce da un adattamento del primo romanzo dello scrittore fiorentino Marco Vichi il quale, insieme all’attore Lorenzo Degl’Innocenti, ne ha curato anche la versione per il palcoscenico.

adv

“Il testo de ‘L’inquilino‘ ci è sembrato da subito perfetto per un adattamento teatrale ma, con il tempo, abbiamo capito che l’idea vincente era quella di creare una doppia traccia drammaturgica giocando sull’espediente del radiodramma”, spiega Roberto Andrioli che, insieme a Fabrizio Checcacci, ha completato il lavoro di scrittura e messa in scena del testo.

Lo spettacolo trae la sua forza comica dalla combinazione tra i conflitti vissuti dai personaggi del romanzo, dagli attori sul set e da una serie infinita di gag imprevedibili.

“Per questo allestimento abbiamo preso spunto dal genere del metateatro e da alcuni capolavori come, ad esempio, “Rumori fuori scena” di Michael Frayn. – racconta Roberto – Tra l’altro il mio ruolo è quello dell’attore-rumorista e questo mi ha permesso di attingere alla mia esperienza nell’ambito della Commedia dell’arte e di giocare insieme ai miei colleghi con una serie di lazzi comici”.

La pièce, presentata in anteprima il 6 agosto al Castello di Calenzano in occasione della rassegna Calenzano Estate 2020, andrà nuovamente in scena il 23 agosto nella piazza della Chiesa di Lorenzana (Pisa) nell’ambito del festival Utopia del buongusto di Teatro Guascone.

“L’inquilino. Radiodrammaticomico” è l’ultimo lavoro prodotto da La Macchina del suono, associazione culturale fiorentina attiva in molteplici progetti di formazione teatrale-musicale e produzioni di teatro brillante. L’associazione nasce dall’amicizia e dal sodalizio artistico tra Roberto Andrioli, Fabrizio Checcacci e Lorenzo Degl’Innocenti che nelle ultime stagioni si sono fatti conoscere con Le opere Complete di William Shakespeare in 90 minuti, una esilarante parodia che dal 18 agosto tornerà a Roma, sul palcoscenico del Teatro Globe di Gigi Proietti.

Per informazioni: www.macchinadelsuono.it; per prenotazioni: 3280625881 – 3203667354.
Foto di Chiara Camera.