adv

Sono 116 le malattie metaboliche rare delle ossa, ancora molte senza una cura, Maria Luisa Brandi ha un sogno, quello di dare risposta ai tutti i pazienti che quotidianamente incontra.

A Firenze nasce FIRMOLAB il laboratorio di ricerca nato in partenariato tra Firmo-Fondazione Raffaella Becagli e lo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze.

adv

[cml_media_alt id='5344']justbeautiful_firmolab_2[/cml_media_alt]

Firmo, punta a giungere a soluzioni innovative nel campo della biologia cellulare e della genetica molecolare per la cura delle malattie dello scheletro. «La ricerca deve rimettere al centro l’uomo e dare un messaggio positivo, di fiducia per il nostro futuro – ha detto il Governatore Enrico Rossi -. Penso che potrete fare cose molto importanti, la Regione vi è vicina e appoggia il vostro lavoro».

Maria Luisa Brandi, presidente di FIRMO Fondazione Raffaella Becagli , ricorda ancora 2 suoi pazienti visitati più di trent’anni fa. «Camminavano come pupazzi – dice –. Nessuno allora riusciva a capire che cosa avessero, ci vollero quindici anni solo perché la ricerca comprendesse che si trattava di un problema di eccesso di mineralizzazione».

[cml_media_alt id='5346']justbeautiful_firmolab_4[/cml_media_alt]

Quando una patologia non permette una corretta mineralizzazione si hanno difetti come crescita ridotta, deformità, fratture, problemi odontoiatrici; in caso contrario si ha un eccesso che porta alla calcificazione dei tessuti molli e quindi a un loro scorretto funzionamento. Per questo uno dei primi progetti di FirmoLab è indagare i processi di mineralizzazione ossea fisiologici e patologici, per poi puntare l’attenzione sulle risposte cellulari a possibili trattamenti.