adv

“Il meglio deve ancora venire”, scrive Vincenzo Montella sui social. E vien voglia di abbracciarlo, il tecnico viola. Perché c’era bisogno di questo, a Firenze, di un sano entusiasmo che porti a vedersi in alto, sempre di più. Con il terzo successo consecutivo, i viola arrivano al sesto posto in classifica in coabitazione con Lazio e Cagliari e, anche se Pradè assicura che “queste vittorie non cambiano i nostri obiettivi”, parlando ancora di “transizione sportiva”, è altrettanto vero che non esiste competizione sportiva senza un traguardo da raggiungere, una vetta da scalare, un’ambizione da soddisfare. Allora avanti così, con la testa libera dalle eccessive pressioni, se questi sono i risultati.

Il colpo di testa di Milenkovic al 72’ sblocca una partita altrimenti difficilmente risolvibile per una squadra come quella viola che gioca senza un centravanti di ruolo e quindi si trova in enorme difficoltà a rendersi pericolosa contro un avversario ben coperto e chiuso come l’Udinese del bravo ma irritabile Tudor mandato anzitempo negli spogliatoi dall’arbitro, il debuttante Prontera di Bologna. Come si temeva alla vigilia, a questa Fiorentina serviva la giocata del campione, ovvero Ribery o Chiesa stavolta meno risolutivi delle scorse giornate, o un’azione nata da calcio piazzato come è stata in occasione del gol.

“Una partita sporca”, l’ha definita Montella, aggiungendo che “si diventa squadra anche passando dal soffrire in casa con l’Udinese, così come dominando a San Siro”. “Gli avversari stanno iniziando a guardarci in maniera diversa”, ha concluso il tecnico gigliato, spiegando come, nonostante i risultati ampiamente positivi, urga la necessità di un centravanti: “Da ex attaccante non vedo l’ora che possa giocare con un attaccante vero, ho voglia anche io di vederlo in campo e stiamo trovando l’equilibrio che ci possa permettere di schierarlo”. Un attimo prima del gol stava per entrare in campo Vlahovic, in subordine a Pedro in ripresa agonistica, il bomber che manca alla Fiorentina.

adv

“Ci vediamo presto a Firenze”, ha dichiarato dall’America il presidente Commisso che sarà presente alla prossima partita dopo la sosta per gli impegni della Nazionale, ovvero il posticipo di lunedì 21 alle 20.45 a Brescia contro Balotelli e compagni.

Le mie pagelle
DRAGOWSKI 7 –
Subito al 3’ una parata sul rasoterra di De Paul. Al 36’ sbaglia un rinvio ma al 72’ è decisivo su Lasagna
CACERES 7 – Più volte deciso negli interventi. Impreciso in qualche lancio ma con la grinta giusta come suo solito. Bravo a servire Dalbert al 78’
PEZZELLA 6,5 – Un colpo di testa al 28’ di poco fuori, interventi risolutivi in area
MILENKOVIC 7 – Sale più in alto di tutti sull’angolo di Pulgar e porta in vantaggio la Fiorentina. Soffre la velocità di Sema
LIROLA 5,5 – Svolge il suo compito senza però trovare il cross determinante. Perde un pallone importante a centrocampo negli ultimi minuti
PULGAR 7 – L’incaricato dei calci piazzati, bene anche in copertura. Suo l’angolo per il colpo di testa vincente di Milenkovic
BADELJ 6 – Meno preciso rispetto a San Siro ma dà comunque il suo apporto

Dal 64’ BENASSI 6 – Montella confida nelle sue capacità realizzative. Non sfrutta al meglio al 75’ una ripartenza
CASTROVILLI 6.5 – Con il compito di creare e inserirsi, subito dietro al duo delle meraviglie Ribery – Chiesa. Ammonito

Dall’81’ ZURKOWSKI 5,5 – Nei minuti di recupero causa una punizione pericolosa
DALBERT 6 – Abbastanza bene sul suo lato ma in avvio di ripresa sciupa una buona ripartenza. Al 78’ buon tiro deviato in angolo da Musso

RIBERY 6,5 – Nel primo tempo prova qualche giocata delle sue senza successo, al 57’ punizione a fil di palo, grande azione al 68’

Dall’86’ GHEZZAL sv
CHIESA 6,5 – Meno spazi davanti per incidere in progressione. Al 53’ tiro cross che taglia l’area senza intervento di alcun compagno e al 54’ impegna Musso alla deviazione di piede. Grande recupero difensivo al 58’
ALL. MONTELLA 7 – La sua Fiorentina in “evoluzione” avrà bisogno di un centravanti per partite come questa. Arriva alla sosta con la terza vittoria consecutiva.

 

Foto di copertina tratta dalla pagina Fb della Fiorentina.

RESTA SEMPRE INFORMATO, ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER