adv

È quasi finita la partita. Dusan Vlahovic, diciannovenne con tanta fame agonistica e voglia di arrivare, prende palla poco prima della linea di centrocampo e corre verso la porta avversaria proteggendo la sfera dal ritorno del difensore interista, infine scaglia il pallone a incrociare sul palo più lontano, in rete. L’esultanza è completata dall’abbraccio con Montella.  Nella partita che può valere la sua permanenza sulla panchina viola Vincenzo Montella si affida all’esperienza con Badelj e Boateng in campo ma dopo appena otto minuti con estrema semplicità Borja Valero porta in vantaggio l’Inter. Al 40’ il raddoppio di Lautaro è un’illusione che dura solo il tempo di consultare il Var per l’annullamento del gol per posizione di fuorigioco dell’uomo assist Lukaku. Sul finire del primo tempo e nella ripresa Dragowski compie due interventi decisivi su Lukaku. Nel finale l’esordio stagionale di Eysseric al posto di Castrovilli è una mossa azzardata se non provocatoria del tecnico viola quasi come lo era stata in precedenza quella di Vlahovic per Chiesa seppure colpito duro e, non è una novità, al di sotto delle sue possibilità. Come Dragowski aveva tenuto a galla la Fiorentina con le sue parate così Vlahovic completa l’opera del portiere col gran gol realizzato evitando così il possibile esonero del tecnico e portando un punto in classifica.

“La sconfitta sarebbe stata una beffa” – dice Vincenzo Montella – “Vlahovic arriverà in alto”

“Sono sfatto, distrutto” – ammette a fine gara il direttore sportivo Daniele Pradè – “A gennaio vedremo che opportunità ci saranno, numericamente non siamo a posto, qualcosa cercheremo”

adv

“Con il Lecce avevo sbagliato tanto ma lui mi ha sostenuto” – spiega Dusan Vlahovic a proposito dell’abbraccio a Montella dopo il gol – “Voglio ridare a lui questo sostegno”

Un’immagine su cui è tornato anche il presidente Rocco Commisso nel suo commento al sito ufficiale della Fiorentina: “Bellissima l’immagine di Dusan che abbraccia Mister Montella. Questa è la Fiorentina che voglio e che mi rende orgoglioso”

Le pagelle
DRAGOWSKI 7 –
Spiazzato sul tiro ravvicinato di Borja Valero, al 43’ prodigiosa parata sul colpo di testa di Lukaku diretto in rete e altro intervento decisivo di piede nella ripresa ancora su Lukaku da distanza ravvicinata. Al 74’ uscita azzardata al limite dell’area. Un minuto dopo subisce un colpo da Lautaro ma rimane in campo
PEZZELLA 6 – Qualche volta in difficoltà su Lukaku ma il capitano viola gioca con la mascherina e solo per questo merita comunque rispetto

CACERES 6 – Al di sotto di precedenti prestazioni ma comunque sufficiente

MILENKOVIC 4 – Ridicolizzato da Borja Valero sul gol nerazzurro, un rinvio sbagliato sui piedi di Lukaku, in affanno anche nella ripresa

LIROLA 5 – Senza personalità, prevedibile nei suoi cross telefonati quando non li sbaglia

PULGAR 5 – Impreciso nei passaggi, sottotono. Ammonito

BADELJ 6 – Impegna Handanovic al 14’ con un tiro da fuori area. Nonostante qualche errore, cerca di dare ordine al gioco. Ammonito

DAL 66’ BENASSI 5,5 – Porta un po’ di dinamismo ma non si vede molto

CASTROVILLI 6,5 – Ottima discesa al 15’ sulla fascia destra con palla al centro, costringe all’intervento da ammonizione Brozovic, un tiro dalla distanza al 64’ respinto da Handanovic.

DALL’84’ EYSSERIC sv

DALBERT 6 – Due buoni cross nella ripresa dopo un primo tempo insufficiente. Ammonito

BOATENG 5 – Giocatore senza ruolo perde anche questa occasione per rendersi utile

CHIESA 5 – Costringe all’ammonizione Bastoni, un cross pericoloso nel recupero del primo tempo ma deve dare di più. Colpito duro in più di un’occasione

DAL 59’ VLAHOVIC 7 – Quando tutto sembra perduto, tiene palla, regge al ritorno di Skriniar e dopo una corsa di cinquanta metri insacca con un tiro a incrociare sul palo più lontano su cui Handanovic non arriva

ALL. MONTELLA 6 – L’ingresso di Vlahovic gli salva la panchina, almeno fino alla prossima partita. Ammonito

Presenti dal 1’ minuto
Milenkovic 18

Pulgar, Dragowski 17

Castrovilli 16

Chiesa, Dalbert, Badelj 15

Lirola, Pezzella 13

Caceres 12

Ribery 9

Vlahovic 6

Boateng, Benassi, Venuti, Sottil 5

Ranieri 4

Ghezzal 3

Ceccherini 2

Cristoforo, Terzic, Terracciano 1

Subentranti

Vlahovic 8

Boateng 7

Ghezzal, Benassi 6

Sottil 5

Pedro 3

Ceccherini, Ribery, Zurkowski, Lirola 2

Venuti, Montiel, Dalbert, Badelj, Ranieri, Caceres, Terzic, Eysseric 1

Marcatori
Vlahovic 5

Castrovilli, Milenkovic, Chiesa, Pulgar (3 rig.) 3

Ribery, Benassi 2
Boateng, Pezzella, Caceres, autorete 1

Marcatori determinanti

Castrovilli, Vlahovic 3

Milenkovic 2

Ribery, Pezzella, Chiesa, Pulgar, Benassi 1
Autorete 1

Ammoniti 
Pulgar, Castrovilli 7

Pezzella 5

Dalbert 4

Milenkovic, Chiesa, Lirola, Montella (all.) 3

Venuti, Sottil, Boateng, Caceres, Vlahovic 2

Ranieri, Dragowski, Terzic, Benassi, Ribery, Badelj 1

Espulsi

Ranieri, Ribery, Venuti, Montella 1

 

Foto di copertina tratta dalla pagina Fb di ACF Fiorentina.

RESTA SEMPRE INFORMATO, ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER