Figline, al Teatro Garibaldi un omaggio a Fabrizio De André

“A forza di essere vento” andrà in scena domenica 24 marzo

Storica Fattoria Palagiaccio

Le canzoni di Fabrizio De André arrangiate per orchestra, una voce narrante che conduce gli spettatori attraverso un viaggio tra musica e parole: è lo spettacolo “A forza di essere vento” che andrà in scena domenica 24 marzo alle 17,30 al Teatro Garibaldi di Figline con il patrocinio del Comune di Incisa e Figline Valdarno.

Sul palco L’Orchestra instabile di Arezzo (OIDA) e il quintetto “De André e la filosofia” (archi, tastiera, chitarra e voce) per la prima volta insieme, per un evento inedito che ricorda il grande cantautore genovese a 20 anni dalla sua scomparsa. Tra i brani eseguiti alcuni tra i più famosi: “La guerra di Piero”, “La canzone di Marinella”, “Creuza de ma”, “Dolcenera” e molte altri. Il concerto è diretto dal M° Daniele Belloni, che ha arrangiato tutti i pezzi per l’orchestra.

Nata appena due anni fa, l’Orchestra instabile di Arezzo si è caratterizzata sin da subito per proporsi come soggetto collettivo, espressione delle più importanti associazioni della provincia aretina e territori limitrofi. Racconta un’idea di musica che va oltre la sua accezione più classica, cercando la contaminazione degli stili e dei generi; si è definita “instabile” per la volontà di misurarsi con linguaggi sempre nuovi e di andare verso direzioni innovative mantenendo sempre un ottimo livello artistico.

L’orchestra deve la sua nascita ad uno sforzo collettivo di 11 associazioni che hanno deciso di collaborare e moltiplicare impegno, passione e idee. Compongono Oida: Associazione Guido Monaco, Kairos, Accademia Musicale Valdarnese, Opera Viwa, Quinte tra le note, So.No.Ro., Voceincanto, Orchestra Giovanile Arezzo, Scuola di Musica Le 7 Note, Spazio Seme; collaborano inoltre con il Liceo Musicale di Arezzo.

Tra le attività dell’orchestra una stagione di musica da camera che si svolge ad Arezzo, grandi concerti come quello di Figline dedicato a Fabrizio De André, eseguito anche a Cortona il 23 marzo, ma anche concerti eseguiti nei mesi passati con Simone Cristicchi, concerti in Italia e all’estero. Oida propone musica, ma anche danza, visual art, nella convinzione che la musica, le arti figurative, le espressioni artistiche non possano avere confini e che uno strumento come l’orchestra Oida possa farsi promotore di un messaggio culturale ampio e diretto a tutti.

Per sostenere le attività di Oida chiunque può richiedere la Oida card, un modo semplice ma importante per condividere la crescita del progetto Oida e contribuire a realizzare sempre più eventi e iniziative che valorizzano la formazione orchestrale dei musicisti.

Oltre al supporto del comune di Figline e Incisa Valdarno le attività di OIDA hanno il contributo e il patrocinio di: Camera di Commercio di Arezzo e Siena, Provincia di Arezzo, Comuni di Arezzo, Bibbiena, Castiglion Fiorentino, Castelfranco Piandiscò, Cortona, Sansepolcro, Convitto Nazionale di Arezzo e sono sostenuti da Euronics e Artecerreta.

Enjoy Chianti

redazione rossorubino

View posts by redazione rossorubino
La redazione di rossorubino.tv aggiorna quotidianamente il webmagazine con notizie dalla Toscana
Scroll to top
Pallium
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: