adv

In tempi di coronavirius e lockdown forzato, l’arte non si ferma e, almeno per il momento, si sposta online.

Da oggi sarà possibile accedere a tante iniziative culturali dalla sezione Con l’@rte: una finestra sulla cultura presente sul sito della Fondazione CR Firenze (www.fondazionecrfirenze.it/conlarte/). Si tratta di tantissime proposte digitali realizzate degli operatori culturali e delle associazioni che beneficiano dei contributi della Fondazione CR Firenze, pensate per affrontare nel modo migliore possibile questo periodo di chiusura forzata a causa dell’allarme virus.

Dalle proposte per i bambini, tra cui attività, cartoni animati educativi, laboratori di giocoleria e di arte, quiz e favole da ascoltare, a letture, lezioni, concerti e spettacoli, in streaming o d’archivio, ma anche visite virtuali e collezioni digitalizzate di musei, archivi e luoghi d’arte di cui godere direttamente da casa.

adv

L’iniziativa intende valorizzare le esperienze messe in campo in questo momento di emergenza sanitaria dagli operatori e dalle associazioni culturali che si sono trovate costrette a cancellare eventi, iniziative e cartelloni, realizzati anche grazie al contributo della Fondazione CR Firenze, non solo attraverso il sostegno annuale ordinario alle molte realtà del settore, ma anche tramite i bandi tematici pubblicati negli anni: Laboratori Culturali, per il sostegno alla realizzazione di contenuti innovativi e digitali dei musei e degli archivi; Partecipazione culturale, per stimolare la partecipazione culturale attiva nelle periferie; Nuovi Pubblici, per il coinvolgimento di pubblici giovani nell’ambito dello spettacolo dal vivo. Una community, quella dei Bandi Tematici, di circa un centinaio di soggetti che ogni anno lavorano grazie all’investimento di circa 500.000 euro messi a disposizione dalla Fondazione CR Firenze che ha voluto così sostenere e stimolare l’attivazione di pratiche di “cultura sociale”: esperienze che si confrontano e che operano sul territorio, anche nelle aree più periferiche e marginali, e che hanno negli anni favorito la creazione di modelli sociali e culturali, sia in termini di partecipazione, che in termini di innovazione e inclusione dei pubblici per la cultura, nelle sue più varie sfaccettature.

‘Con l’@arte’ raggruppa così le iniziative in 5 aree tematiche: bambini, musei, spettacolo, musica, arte. Nella sezione Bambini troviamo ad esempio le offerte didattiche realizzate dal Museo degli Innocenti, Museo dei Ferri taglienti di Scarperia o del Museo Archeologico Gaio Clinio Mecenate di Arezzo – beneficiari del Bando Laboratori culturali – ma anche proposte teatrali per i più piccini a cura di NATA – Nuova Accademia del Teatro d’Arte, Giallo Mare Minimal Teatro e Associazione Culturale Aria Network, beneficiari dei Bandi Nuovi Pubblici e Partecipazione Culturale. Nella sezione Musei e in quella Arte e Storia troviamo molti dei vincitori del Bando Laboratori culturali: il Museo Bandini di Fiesole con l’app Bandini, le proposte del Museo di Storia Naturale della Maremma, le visite in LIS della Fondazione Scienza e Tecnica o le storie dagli archivi del Piccolo museo del diario, dell’Associazione Culturale La Leggera e della Misericordia di Firenze. Nella sezione Spettacolo ritroviamo molti dei vincitori dei bandi Nuovi Pubblici e Partecipazione Culturale, tra cui l’Associazione Culturale Murmuris, il Teatro Fonderia Leopolda di Follonica, Officine della Cultura, lo Schermo dell’Arte, l’Associazione Culturale La Filostoccola. Nel portale c’è anche spazio per alcuni contenuti realizzati direttamente dalla Fondazione come il progetto ‘In Collezione per i bambini’, con video e attività ispirati alle opere più preziose della propria Collezione d’arte, per cui sono già stati distribuiti oltre 500 KIT colori (fondazionecrfirenze.it/in-collezione/per-i-bambini/).

“Siamo rimasti colpiti dalla volontà e capacità delle realtà culturali di rispondere al lockdown attraverso originali proposte digitali – afferma Gabriele Gori, Direttore Generale di Fondazione CR Firenze -. Queste offerte culturali offrono la possibilità di trascorrere momenti di creatività, approfondimento e svago. Alcune sono promosse da istituzioni note che già godono di visibilità, altre da associazioni e operatori culturali che sono meno conosciuti ai quali siamo lieti di dare un’occasione in più per diffondere le proprie iniziative. Con l’augurio di tornare presto a godere dell’arte e di tutte le sue sfaccettature dal vivo”.