Chianti Rufina, tanti i consensi dalle Guide Vini 2019

L’interpretazione dei vini da parte dei produttori è sempre più precisa e legata alla ricerca dei migliori risultati per ogni singolo cru, pur mantenendo alta  la qualità di ogni prodotto aziendale.

CMT_Orizzontale

Grande soddisfazione tra i produttori della DOCG Chianti Rufina  per i consensi ricevuti dalla critica nella stagione appena trascorsa e di recente pubblicati dalle Guide Vini 2019 e dai magazine internazionali di settore.

L’interpretazione dei vini da parte dei produttori è sempre più precisa e legata alla ricerca dei migliori risultati per ogni singolo cru, pur mantenendo alta  la qualità di ogni prodotto aziendale.

L’aspetto più interessante dei giudizi dei critici di questa stagione è costituito proprio dall’apprezzamento di uno stile di vino slanciato ed elegante, ma anche dotato di una buona struttura. Questo ha provocato la perplessità di chi si aspettava, a causa delle condizioni pedoclimatiche della Rufina, uno stile caratterizzato solo dalla sottigliezza e magari da componenti dure e spigolose bisognose di lunghi invecchiamenti per domare la loro scontrosità. Anche ammesso che sia il cambiamento climatico il responsabile di questo fattore, non ci si dovrebbe dispiacere di trovarsi di fronte a vini dal perfetto equilibrio e dotati di profumi fruttati freschi e maturi, accattivanti e fragranti, di buona sostanza al palato, ma articolati e slanciati, insomma eleganti e di beva agile e piacevole, e sicuramente mai stucchevoli.

Officina dei Saponi

Così troviamo due massimi riconoscimenti da parte del Gambero Rosso, i famosi Tre Bicchieri, uno per I Veroni con il Chianti Rufina Riserva Quona 2015 ed uno per Frescobaldi con  l’IGT (che si spera ritorni presto Chianti Rufina DOCG) Montesodi 2015 . Ottimi risultati sono costituiti anche dai numerosi 2 Bicchieri Rossi conseguiti. Per Castello del Trebbio, con il Chianti Rufina Riserva  Lastricato 2014, annata difficile, ma che alcuni hanno interpretato con risultati di eccellenza. Poi per il Mormoreto  e per il Pomino Pinot Nero, entrambi  2015, di Frescobaldi. Per la storica azienda Selvapiana con il Chianti Rufina Riserva Vigneto Bucerchiale 2015. E ancora per Colognole con il Chianti Rufina Riserva del DON 2015, per Frascole con  il Chianti Rufina Riserva 2015, per Villa Travignoli con il Chianti Rufina Riserva Tegolaia 2015, per Grignano con il Chianti Rufina 2015, e per la Tenuta Bossi dei Marchesi Gondi con il Chianti Rufina San Giuliano 2016. Buone valutazioni anche per tutte le altre aziende del comprensorio con punteggi che attribuiscono i Due Bicchieri ai numerosi vini recensiti.

Daniele Cernilli, decano della critica enologica, pubblica la Guida Essenziale dei Vini d’Italia, dove premia il Bucerchiale 2015 di Selvapiana, con 94 punti, stesso punteggio attribuito a Frescobaldi con il Mormoreto 2015 e con il Chianti Rufina Nipozzano Riserva 2015, e al Castello del Trebbio con il Pazzesco 2015. Sempre il Castello del Trebbio riceve un bel 92 per il Vin Santo del Chianti. La Fattoria di Lavacchio ottiene 93 punti con il Chianti Rufina Riserva Cedro 2016, così come I Veroni con il Vin Santo del Chianti Occhio di Pernice 2009.

La Guida Slow Wine edita da Slow Food e sostenuta dalla FISAR, non assegna punteggi, se non per pochi vini premiati. La procedura consiste però nel recensire le aziende più significative per l’impostazione Slow che sta alla base della filosofia del movimento. La recensione, quindi, rappresenta di per sé un grande riconoscimento.  Per i premi assegna la Chiocciola (il simbolo assegnato a una cantina per il modo in cui interpreta i valori organolettici, territoriali e ambientali in sintonia con Slow Food) a Selvapiana e  la qualifica di Vino Slow  (vino che oltre a risultare eccellente, condensa nel bicchiere caratteri legati al territorio, storia e ambiente) al Chianti Rufina Riserva Bucerchiale 2015. La Chiocciola va anche a Frascole che ottiene il riconoscimento di Vino Slow per il Chianti Rufina Riserva 2015. Attribuisce poi la preferenza Vino Quotidiano (bottiglia eccellente che costa meno di 10 € in enoteca)  al Chianti Rufina Cedro 2016 della Fattopria Lavacchio e al Chianti Rufina 2015 del Podere Il Balzo, interessante novità emergente in casa Rufina. Le aziende recensite con ottimi commenti sono:  Colognole, Fattoria Lavacchio, Frescobaldi, I Veroni, Selvapiana, Fattoria Il Lago, Frascole, Villa Travignoli, Grignano, Marchesi Gondi Tenuta Bossi, Podere Il Balzo.

Pioggia di stelle dalla storica Guida Veronelli.  Ricevono 3 stelle con 90 punti la Fattoria di Lavacchio con il Chianti Rufina Ludié 2012 e con il Vin Santo del Chianti Rufina Riserva 2011, poi troviamo Frescobaldi  con il Mormoreto e il Chianti Rufina Riserva Vecchie Vigne entrambi del 2015 classificati con 92 punti, oltre a Pomino Benefizio 2016 e Montesodi 2015. Altra pioggia di tre stelle quella che cade sulla Tenuta Bossi Marchesi Gondi: al Mazzaferrata 2012 vanno 92 punti, 91 al Chianti Rufina Riserva 2013 e al Ser Amerigo 2012 e 90 punti al Chianti Rufina Riserva Pian dei Sorbi 2015 e al Vin Santo Cardinal de Retz 2006.

Le associazioni di sommelier AIS e FIS pubblicano due guide denominate Vitae e Bibenda rispettivamente. I massimi riconoscimenti di Vitae (4 VITI) vanno al Montesodi 2015 di Frescobaldi e al Chianti Rufina Riserva Vigneto Bucerchiale 2015 di Selvapiana, mentre il Chianti Rufina Riserva Quona 2015 de I Veroni oltre alle 4 Viti dell’AIS colleziona anche i 5 grappoli di Bibenda FIS.

La Guida Vini Buoni d’Italia del TCI recensisce esclusivamente vini da vitigni autoctoni e per questo motivo molti IGT che impiegano uve internazionali sono  esclusi dal giudizio. Al vertice della classifica troviamo il Chianti Rufina Riserva Bucerchiale 2015 di Selvapiana che riceve la prestigiosa Corona e 4 stelle. Le 4 stelle vanno anche al Chianti Rufina 2016, sempre di Selvapiana e al Castello del Trebbio con il Chianti Rufina Riserva Lastricato 2014, a Colognole con il Chianti Rufina Riserva del Don 2015, alla Fattoria di Lavacchio con il Chianti Rufina Riserva Cedro 2015, e con il Vin Santo Rufina Riserva 2011, a I Veroni con il Chianti Rufina  Riserva Quona 2015.

Il Golosario di Paolo Massobrio si distacca leggermente dal coro, scegliendo vini di notevole personalità e attribuisce la qualifica di Vino Top con Corona Rossa al Chianti Rufina Lastricato Riserva 2014 del Castello del Trebbio, al Fontegalli 2013 di Lavacchio, al Pomino Pinot Nero 2015 di Frescobaldi,  al Chianti Rufina 2016 di Selvapiana e al Chianti Rufina 2015 di Grignano.

Infine troviamo i primi risultati delle degustazioni eseguite dai principali Magazine cartacei e online internazionali, non vere e proprie guide assolute, ma i cui giudizi sono seguiti dai buyers internazionali che a loro volta sono orientati dalla disponibilità dei vini sui rispettivi mercati di riferimento.

Wine Spectator, che da poco ha dichiarato il Sassicaia 2015 miglior vino del mondo per il 2018, recensisce con ottimi voti sia Frescobaldi che Selvapiana. Quota il Mormoreto 2015 con 92 punti, con 91 il Montesodi 2015, con 90 il Chianti Rufina Riserva Vecchie Viti 2015, mentre per Selvapiana attribuisce 91 punti al Chianti Rufina 2016. Selvapiana fa poi incetta di ottimi giudizi con il Chianti Rufina Riserva Bucerchiale 2013 che  si classifica al 43° posto fra i migliori 100 vini dell’anno di Wine Enthusiast con 94 punti e 47° nella Cellar Selection, poi ancora 94 punti da James Suckling, 93 punti da Robert Parker con Wine Advocate e di nuovo 93 punti da Vinous di Antonio Galloni.

In casa Frescobaldi spiccano i 95 punti di James Suckling al  Mormoreto 2015.  Suckling premia poi con 93 punti il Montesodi 2015, con 94 punti il Nipozzano Chianti Rufina Riserva Vecchie Viti 2015, con 93 punti il Nipozzano Chianti Rufina Riserva 2015, e con 94 punti il Pomino Vin Santo 2009. Infine James Suckling recensisce con punteggi superiori a 90 i due vini de I Veroni Chianti Rufina Riserva Quona 2015 e il Chianti Rufina I Domi 2016.

La critica di lingua tedesca, quella di  Vinum di Christian Eder, che pubblica in Germania, Austria e Svizzera, conclude l’elenco dei risultati prestigiosi dei vini della Rufina. Nella Guida Chianti 2019 troviamo con 17,5/20 e stella d’oro il Bucerchiale 2015 di Selvapiana, mentre con 17/20 e ancora stella oro  abbiamo il passito Oro del Cedro di Lavacchio, il Chianti Rufina Riserva Villa Bossi 2013 della Tenuta Bossi Marchesi Gondi, e con 16,5 punti il Chianti Rufina I Domi 2016 de I Veroni, il Poggio Gualtieri 2013 di Grignano e il Ludié 2011 di Lavacchio, per finire con i 16 punti del Chianti Rufina Riserva Vigna Vecchia 2013 del Podere Il Pozzo, e del Chianti Rufina Riserva 2014 Vecchie Viti di Frescobaldi. La rivista Merum, infine, premia con due cuori il Chianti Rufina 2015 di Colognole.

Una campagna di degustazioni centrata soprattutto sulle eccellenti annate 2015 e 2016 e che ha sortito risultati molto soddisfacenti e del tutto promettenti per la produzione della DOCG Chianti Rufina nel suo complesso. Come detto all’inizio i giudizi  indicano una maggiore consapevolezza nella ricerca della personalità stilistica dei vini e dell’impronta del territorio. Il vino Rufina ha ora una morbidezza avvertibile che rende il sorso piacevole e sempre ben sostenuto dalla vena acida con un frutto appetibile e gradito. Il tannino è maturo e dolce e si fonde con la freschezza acida anziché entrarci in conflitto. Tutto questo, unito con la proverbiale longevità dei vini di questo territorio, rende la produzione estremamente interessante nel settore dei vini di alta qualità da collezione e investimento.

Per il futuro, fanno ben sperare i risultati della appena conclusa vendemmia 2018, che sono tra i migliori e più equilibrati dell’ultimo periodo, sicuramente in linea con le ultime recenti annate del vino della Rufina.

eChiantiShop

Milko Chilleri

View posts by Milko Chilleri
Giornalista e VideoReporter, i miei primi compagni il video e la musica, mixati alla certezza che il suono e l'immagine riescono a parlare con tutti.
Scroll to top
Fondazione Firmo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Gentilissimo Utente, con il presente documento ed in conformità all'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito solo “GDPR”) Le vengono fornite le informazioni relative ai trattamenti dei Suoi dati personali effettuati all'interno di questo Sito web. TITOLARE DEL TRATTAMENTO. Il Titolare del trattamento è la società Chianti Multi Service S.r.l., con sede in 50012 Bagno a Ripoli, Via Chiantigiana, 103/103A, codice fiscale e partita iva 04838940486, e-mail info@chiantimultiservice.it tel. 0550163423 (di seguito solo “Titolare”) TIPOLOGIE DI DATI RACCOLTI E TRATTATI. Il presente sito web acquisisce e tratta i seguenti dati personali: Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP, il tipo di browser utilizzato, il sistema operativo, il nome di dominio e gli indirizzi di siti web dai quali è stato effettuato l'accesso, le informazioni sulle pagine visitate dagli utenti all'interno del sito, l'orario d'accesso, la permanenza sulla singola pagina, l'analisi di percorso interno ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Ulteriori categorie di dati Si tratta di tutti quei dati personali forniti dal visitatore attraverso il sito, ad esempio, scrivendo ad un indirizzo di posta elettronica indicati nell'apposita sezione presente sul sito web per richiedere informazioni oppure telefonando ai numeri di telefono per avere un contatto diretto con il Titolare. Cookie Le informazioni dettagliate dei cookie utilizzati dal sito web sono riportate nell'apposita informativa posta in calce alla presente. FINALITÀ E BASE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO. I dati raccolti sono trattati per perseguire le seguenti finalità: (a) consentire al Titolare di rispondere alle richieste di informazioni pervenute mediante e-mail ovvero per telefono; in ragione del legittimo interesse di quest'ultimo a garantire un servizio efficace di riscontro al cliente o potenziale cliente; (b) consentire all'utente una corretta fruizione e navigazione sul sito in ragione del legittimo interesse del Titolare a fornire un servizio adeguato e corretto tramite il proprio sito web ovvero del consenso dell'utente. DESTINATARI DEI DATI. I predetti dati non saranno oggetto di diffusione e potranno essere comunicati, oltre che ai dipendenti e collaboratori del Titolare, alla società che incaricata della gestione, manutenzione e controllo del sito web. Tale soggetto potrà visionare i dati solo per le finalità sopra indicate ovvero per prevenire o accertare eventuali attacchi informatici al sito web. DIRITTI DELL'INTERESSATO Infine, Le ricordiamo che in qualsiasi momento, mediante comunicazione da inviare al Titolare ai recapiti sopra indicati, in presenza dei presupposti di legge, potrà esercitare l’accesso ed ottenere la cancellazione, l’aggiornamento, la rettificazione, la limitazione e l’integrazione dei dati personali che la riguardano, nonché esercitare tutti i diritti previsti dal Capo III del GDPR e leggi nazionali nelle materie di loro competenza, ove ne ricorrano le condizioni. Potrà inoltre ricevere in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico i dati personali che La riguardano. Conformemente a quanto previsto dall’art. 77 del Regolamento, può proporre reclamo all'Autorità di controllo della protezione dei dati competenti nel caso in cui ritenga che i Suoi diritti siano stati violati. Qualora il trattamento sia fondato sul nostro legittimo interesse potrà infine, in applicazione di quanto previsto dall’art. 21 del Regolamento, opporsi in qualsiasi momento al trattamento per motivi connessi alla Sua situazione particolare. INFORMATIVA COOKIE DEFINIZIONE GENERALE DI COOKIE. I Cookie sono pacchetti di informazioni inviate da un web server (es. il sito) al browser Internet dell'utente, da quest'ultimo memorizzati automaticamente sul computer e rinviati automaticamente al server ad ogni successivo accesso al sito. Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie. Tipicamente i cookie possono essere installati: (a) direttamente dal proprietario e/o responsabile del sito web (c.d. cookie di prima parte); (b) da responsabili estranei al sito web visitato dall'utente (c.d. cookie di terza parte). Ove non diversamente specificato, si rammenta che questi cookie ricadono sotto la diretta ed esclusiva responsabilità dello stesso gestore. Ulteriori informazioni sulla privacy e sul loro uso sono reperibili direttamente sui siti dei rispettivi gestori. TIPOLOGIE DI COOKIE. Questo sito web può utilizzare, anche in combinazione tra di loro i seguenti tipi di cookie classificati in base alle indicazioni del Garante Privacy e dei Pareri emessi in ambito Europeo dal Gruppo di Lavoro ex art. 29 del GDPR: Sessione, sono i cookie che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e si cancellano con la chiusura del browser, sono strettamente limitati alla trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti. Persistenti, sono i cookie che rimangono memorizzati sul disco rigido del computer fino alla loro scadenza o cancellazione da parte degli utenti/visitatori. Tramite i cookie persistenti i visitatori che accedono al sito (o eventuali altri utenti che impiegano il medesimo computer) vengono automaticamente riconosciuti ad ogni visita. I visitatori possono impostare il browser del computer in modo tale che accetti/rifiuti tutti i cookie o visualizzi un avviso ogni qual volta viene proposto un cookie, per poter valutare se accettarlo o meno. L'utente può, comunque, modificare la configurazione predefinita e disabilitare i cookie (cioè bloccarli in via definitiva), impostando il livello di protezione più elevato. Tecnici, sono i cookie utilizzati per autenticarsi, per usufruire di contenuti multimediali tipo flash player o per consentire la scelta della lingua di navigazione. In generale non è quindi necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente. Rientrano in questa fattispecie anche i cookie utilizzati per analizzare statisticamente gli accessi/le visite al sito solo se utilizzati esclusivamente per scopi statistici e tramite la raccolta di informazioni in forma aggregata. Non tecnici, sono tutti i cookie usati per finalità di profilazione e marketing. Il loro utilizzo sui terminali degli utenti è vietato se questi non siano stati prima adeguatamente informati e non abbiano prestato al riguardo un valido consenso secondo la tecnica dell'opt-in. Questi tipi di cookie sono, a loro volta, raggruppabili in base alle funzioni che assolvono in: Analitycs. sono i cookie utilizzati per raccogliere ed analizzare informazioni statistiche sugli accessi/le visite al sito web. In alcuni casi, associati ad altre informazioni quali le credenziali inserite per l'accesso ad aree riservate (il proprio indirizzo di posta elettronica e la password), possono essere utilizzate per profilare l'utente (abitudini personali, siti visitati, contenuti scaricati, tipi di interazioni effettuate, ecc.). Widgets, rientrano in questa categoria tutti quei componenti grafici di una interfaccia utente di un programma, che ha lo scopo di facilitare l'utente nell'interazione con il programma stesso. A titolo esemplificativo sono widget i cookie di facebook, google+, twitter. Advertsing, rientrano in questa categoria i cookie utilizzati per fare pubblicità all'interno di un sito. Google, Tradedoubler rientrano in questa categoria. Web beacons, rientrano in questa categoria i frammenti di codice che consentono a un sito web di trasferire o raccogliere informazioni attraverso la richiesta di un'immagine grafica. I siti web possono utilizzarli per diversi fini, quali l'analisi dell'uso dei siti web, attività di controllo e reportistica sulle pubblicità e la personalizzazione di pubblicità e contenuti. GESTIONE/DISABILITAZIONE DEI COOKIE. In alcuni browser è possibile impostare le regole per gestire i cookie, opzione che offre un controllo più preciso sulla Sua privacy. Ciò significa che è possibile disabilitare i cookie utilizzati da questo sito ovvero compiere una scelta specifica per ciascun di essi. Di seguito Le indichiamo le pagine dove sono riportate le istruzioni per la disabilitazione dei Cookie per i più diffusi browser: Internet Explorer Firefox Safari Chrome Opera MODIFICHE ALL'INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE L'eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, come anche il costante esame ed aggiornamento dei servizi all'utente, potrebbe comportare la necessità di modificare le modalità e i termini descritti nella presente Informativa privacy e cookie. Sarà pertanto possibile che tale documento subisca modifiche nel tempo. La invitiamo, pertanto, a consultare periodicamente questa pagina. Il Titolare provvederà a pubblicare eventuali modifiche alla presente Informativa privacy e cookie. Le versioni precedenti della presente Informativa saranno, in ogni caso, archiviate per consentirne la consultazione. Chianti Multi Service S.r.l.

Chiudi