eChiantiShop

Carmignano, andamento annata 2018 e tutti i risultati nelle guide dei vini

Grande soddisfazione tra i produttori della DOCG Carmignano per i consensi ricevuti dalla critica nella stagione appena trascorsa e di recente pubblicati dalle Guide Vini 2019 e dai magazine internazionali di settore.

L’interpretazione dei vini da parte dei produttori si è fatta, in questi ultimi anni, sempre più consapevole e coerente con il territorio ed i risultati ottenuti indicano una crescita qualitativa di tutta la produzione con una precisione stilistica sempre più diffusa.

Il disciplinare di produzione prevede l’utilizzo di Sangiovese dal 50% al 90%. L’impiego del Cabernet Franc o Sauvignon deve essere al minimo del 10%, ma può arrivare al 20% ed è consentito l’impiego di altre uve rosse, Merlot, ad esempio, per un altro 10%. Ci sono, in definitiva, due interpretazioni del Carmignano, che, anche se per dettagli molto sottili e riconoscibili solo da palati esperti, portano a due stili leggermente diversi: alcuni produttori giocano il più possibile sul sangiovese e sui vitigni autoctoni, altri impiegano al massimo consentito le uve francesi, anche perché pare che il Cabernet sia presente fin dal 16° secolo a Carmignano importato da Caterina de’ Medici e localmente conosciuto come “uva francesca”.

L’aspetto più interessante dei giudizi dei critici di questa stagione, sta proprio nell’aver premiato ambedue questi stili, segno inequivocabile che l’impronta del territorio ed il lavoro dei vignaioli sono i marcatori precisi del vino di Carmignano, più di quanto lo siano le differenze peraltro piccole negli uvaggi.

Così troviamo ben tre 3 massimi riconoscimenti da parte del Gambero Rosso, i famosi Tre Bicchieri, uno per il Piaggia Carmignano Riserva 2015 (maggiore presenza di uve francesi), uno per l’Ambra Carmignano Santa Cristina in Pilli 2015 (Sangiovese in prevalenza) ed uno per Le Farnete Carmignano Riserva 2015 (uno stile intermedio tra gli altri due). Ottimi risultati sono costituiti anche dai 2 Bicchieri Rossi per Capezzana con il Carmignano Riserva Trefiano 2015 dedicato a Vittorio Contini Bonacossi, e per Pratesi con il Carmignano Riserva Il Circo Rosso 2015. Buone valutazioni anche per tutte le altre aziende del comprensorio con punteggi che attribuiscono Due Bicchieri ai numerosi vini recensiti.

Daniele Cernilli pubblica la Guida Essenziale dei Vini d’Italia, dove attribuisce i punteggi più alti al Capezzana Carmignano Riserva Trefiano Vittorio Contini Bonacossi 2015 (96 punti e “faccina”) e al Piaggia Carmignano Riserva 2015 (95 punti e “faccina”), ma si piazzano molto bene anche gli IGT di Capezzana Ugo Contini Bonacossi 2015 (94 punti), il Ghiaie della Furba 2015 (93 punti), il Carmignano Villa di Capezzana 2015 (92 punti) per finire con la Tenuta di Artimino che ottiene 90 punti per il Carmignano Riserva Grumarello 2013.

Numerose le Super Tre Stelle della storica Guida Veronelli. Ben 4 per Capezzana con il Trefiano Vittorio Contini 2015 (95 punti), Ugo Contini Bonacossi 2015 (95 punti), Ghiaie della Furba 2015 (95 punti), e il Villa di Capezzana 10 anni 2008 (94 punti). Super Tre Stelle anche per il Piaggia Riserva 2015 (94 punti). Molti i punteggi superiori a 90: Tenuta di Artimino con Grumarello 2013, Poggilarca 2015 e Vin Santo Occhio di Pernice 2011, Podere Allocco con il Vin Santo 2007, Pratesi con il Riserva Circo Rosso 2015 e il Carmione 2016, infine Il Sassolo con il Carmignano 2015. Colline San Biagio ottiene 92 punti per il Merlot Quattordicisei e un Trifoglio (riconoscimento riservato ai nuovi ingressi promettenti) per il Vigna Toia 2016 con 90 punti.

La Guida Slow Wine edita da Slow Food non assegna punteggi, ma riconosce la qualifica di Vino Slow a Capezzana con il Trefiano Vittorio Contini 2015, mentre recensisce numerose aziende del territorio con bei commenti per Tenuta di Capezzana, Piaggia, Tenuta di Artimino, Tenuta Le Farnete, Fattoria Ambra.

Le associazioni di sommelier AIS e FIS pubblicano due guide denominate Vitae e Bibenda rispettivamente. I massimi riconoscimenti di Vitae (4 VITI) vanno a Capezzana per il Trefiano Vittorio Contini 2015, al Piaggia Riserva 2015. Bibenda premia anch’essa il Piaggia Riserva con 5 Grappoli e attribuisce il massimo premio anche al Ghiaie della Furba2015 di Capezzana e a Colline San Biagio con il Carmignano Sancti Blasii 2012.

La Guida Vini Buoni d’Italia del TCI recensisce esclusivamente vini da vitigni autoctoni e Carmignano, con la presenza obbligatoria del Cabernet, è esclusa dal giudizio. Si classificano però con buoni punteggi la Tenuta di Capezzana con il Sangiovese in purezza Ugo Contini Bonacossi 2015 e con il Trebbiano 2016.
Il Golosario di Paolo Massobrio attribuisce la qualifica di Vino Top con Corona Rossa al Piaggia Riserva 2015, Vino Top al Carmignano Villa di Capezzana 2015, al Carmignano Il Sasso 2016 di Piaggia, e al Carmignano Le Farnete 2016.

Infine troviamo i primi risultati delle degustazioni eseguite dai principali Magazine cartacei e online internazionali, non vere e proprie guide assolute, ma i cui giudizi sono molto orientati dalla disponibilità dei vini sui mercati di riferimento relativi.

Wine Spectator, che da poco ha dichiarato il Sassicaia 2015 miglior vino dell’anno, quota con giudizi prestigiosi la Tenuta di Capezzana. Il Trefiano Vittorio Contini 2015 riceve il punteggio più alto con 93/100, seguito dal Villa di Capezzana 10 anni 2008 con 92. Il Sangiovese Ugo Contini Bonacossi 2015 riceve 90 punti, mentre il 2015 ha 88 punti come il Barco Reale DOC 2016. Bruce Sanderson si ferma a questa sola azienda, non rendendo i dovuti meriti alla denominazione Carmignano. Purtroppo questo atteggiamento è determinato dalle ridotte dimensioni del territorio e dalla scarsa quantità di bottiglie prodotte in complesso, con conseguente difficoltà di reperimento delle etichette sul mercato internazionale.

Spiccano comunque i 90/100 del Wine Advocate di Robert Parker per il Piaggia Carmignano Riserva 2015, i 94 punti di James Suckling al Circo Rosso Riserva 2015 di Pratesi, che riceve anche 92 punti con il Carmione 2016 e 90 per il Barco Reale Loco Rosso 2017. Sempre Sukling premia il Barco Reale 2016 di Capezzana con 92 punti e con 91 punti il Carmignano Poggilarca 2015 di Tenuta Artimino. Questo vino riceve anche un lusinghiero 15,5/20 da Jancis Robinson. Buoni anche il 95/100 di Antonio Galloni al Carmignano Il Sasso 2016 di Piaggia che attribuisce 94 punti al Piaggia Riserva 2015.

La critica di lingua tedesca, quella di Vinum di Christian Eder, che pubblica in Germania, Austria e Svizzera, conclude l’elenco dei risultati prestigiosi dei vini di Carmignano. Nel Best of Toskana 2019 troviamo con 17,5/20 il Tenuta Capezzana Trefiano Vittorio Contini 2015, e il Villa di Capezzana 10 anni 2008, poi il Carmignano Il Sasso 2016 di Piaggia, mentre con 17/20 abbiamo Ambra con il Carmignano Riserva Elzana 2015 e il Carmignano Santa Cristina in Pilli 2015 e ancora Capezzana con il Carmignano Villa di Capezzana 2015.

Una campagna di degustazioni centrata soprattutto sulle buone annate 2015 e 2016 che ha sortito risultati molto soddisfacenti e del tutto promettenti per la produzione della DOP Carmignano nel suo complesso con giudizi che indicano una maggiore consapevolezza stilistica e una crescita qualitativa generalizzata per tutte le aziende.
Per il futuro, fanno ben sperare i risultati della appena conclusa vendemmia 2018, che sono tra i migliori e più equilibrati dell’ultimo decennio, sicuramente in linea con le ultime recenti annate del vino di Carmignano.

VENDEMMIA 2018
L’autunno–inverno 2017-2018 è stato caratterizzato da piogge abbondanti e ben distribuite con temperature superiori alle medie stagionali. Il germogliamento è stato per questo molto precoce, ma non accompagnato da gelate primaverili. Marzo, Aprile e Maggio hanno avuto ottima piovosità, seguiti da Giugno, Luglio e Agosto, con piogge moderate ma ben distribuite e temperature superiori alla media ma con ottime escursioni termiche tra il giorno e la notte. Questo ha premesso alle uve una maturazione graduale e ottimale, anche dal punto di vista polifenolico. Non si sono manifestati problemi di attacchi fungini (peronospora). La buona ventilazione ed i suoli ben drenanti hanno permesso un’ottima conservazione della sanità delle uve anche nelle aziende biologiche, che a Carmignano costituiscono ormai la maggioranza. L’anticipo di maturazione è stato meno accentuato che in altre annate anche se le prime uve sono state già vendemmiate a fine agosto (uve per Rosati, Merlot più precoci, vitigni bianchi). Nel complesso le uve, quando sono iniziate le operazioni vendemmiali, hanno mostrato valori analitici e sensoriali di ottima qualità, con tenori zuccherini elevati, buona acidità, ottima maturità fenolica e aromatica. Le operazioni vendemmiali sono proseguite con il Sangiovese le cui uve sono state raccolte dalla fine di Settembre ai primi di Ottobre, mese in cui è stato raccolto il Cabernet Sauvignon. Gradazioni alcoliche discrete, buone acidità e interessante quadro aromatico, ottima maturità fenolica per i vini rossi per un’annata volta più all’eleganza che non alla potenza e alla struttura, in certo qual modo ricordando il 2016. Quindi ottime basi per il Barco Reale e il Carmignano 2018. Vini fini, eleganti, di buona struttura con buona acidità e quadro aromatico complesso.

redazione rossorubino

View posts by redazione rossorubino
La redazione di rossorubino.tv aggiorna quotidianamente il webmagazine con notizie dalla Toscana
Scroll to top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: