Bagno a Ripoli, un weekend dedicato ai grani antichi

Presso l'azienda agricola Monna Giovannella, all'Antella, sarà possibile gustare un menu a base di antipasti e pizze tutto preparato con pregiate farine lavorate a pietra

Storica Fattoria Palagiaccio

Il fine settimana dell’8 e 9 giugno, presso l’azienda agricola Monna Giovannella, sulle colline dell’Antella si celebrano gli antichi sapori con la “Festa dei Grani Antichi” e sarà possibile cenare con menu a base di una varietà di grano davvero speciale, nutriente e più digeribile.

I ‘grani antichi’ sono varietà che per buona parte del Novecento venivano coltivate nel territorio italiano e che sono poi state abbandonate in nome di una maggiore redditività. Fanno parte della categoria, tra gli altri, il Monococco, il Senatore Cappelli e Verna, Andriolo e Sieve.

Sull’aia della fattoria sarà dunque possibile gustare gustosi antipasti tra cui affettati e formaggi accompagnati da grissini a base di Mix di grani antichi e crostini, bruschette e coccoli preparati con il grano duro Senatore Cappelli. Gli ospiti potranno poi scegliere cinque varietà di pizza (Margherita, Prosciutto e funghi, Napoli, Covaccino rcon rucola, pomodori freschi e mozzarella e Rossa con  bufala e salsiccia) proposte con due impasti diversi, uno a base di Grano Duro Senatore Cappelli e una altro a base di Mix di Grani Antichi (Verna, Trassineto Gentil Rosso, Andriolo, Sieve). Tutto sarà a tema per celebrare adeguatamente la “Festa dei Grani Antichi” e unire gusto a salute e genuinità.

“L’idea di proporre queste cene è nata dalla passione che abbiamo per questi grani dalle virtù eccellenti – ci spiega Andrea Boccalini, uno dei titolari della Fattoria – che coltiviamo da anni e così abbiamo pensato di occuparci anche della macinatura a pietra. Questi alimenti possiedono delle vere e proprie virtù salutari, sono molto nutrienti, grazie alla lavorazione a pietra il chicco conserva il germe, ricco di sostanze benefiche,  e contiene un basso contenuto di glutine. Le nostre farine sono semintegrali, quindi anche ricche di fibra.

“La parte glutinica che caratterizza questo grano conferisce alla pizza una consistenza diversa, meno elastica e più croccante, precisa Gabriele Posi, titolare de La Bottega di Gabri   – la pizza risulta anche molto più saporita e profumata, una vera eccellenza alimentare. I prodotti da forno realizzati con queste farine sono altamente digeribili anche perché– ci tiene a precisare  – non usiamo nessun tipo di lievito di sintesi”.

Ideatori dell’iniziativa l’Azienda Agricola Monna Giovannella, La Bottega di Gabri, e Spighe Toscane Srl che già lo scorso anno hanno riscosso un notevole successo con la prima edizione di questo evento e con la “Festa della Battitura” che tornerà con la sua terza edizione il weekend del 6-7 luglio.

Dato che i posti sono limitati, è richiesta la prenotazione obbligatoria (328 7694243, preferibilmente tramite messaggio, sig.ra Elena) indicando la preferenza sull’orario (sono previsti due turni con inizio rispettivamente alle 19.45 e alle 21.15). In caso di maltempo l’evento sarà annullato.

 

Enjoy Chianti

Alissa Zavanella

View posts by Alissa Zavanella
Redattrice, laureata in lettere moderne e appassionata di buoni libri, teatro e mostre d’arte. Mi piace scrivere da sempre.
Scroll to top
Fondazione Firmo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: