Arte e carità al Castello dell’Acciaiolo

Una Mostra d’arte di arredi e tessitura da sabato 24 ottobre a domenica 22 novembre 2015 al Castello dell’Acciaiolo (via Pantin) e una sfilata di maglieria e abiti nel Nuovo Auditorium (piazza della Resistenza, fermata tramvia Resistenza) domenica 25 ottobre alle 21: sono le iniziative di “Arte e carità in missione”, organizzate da Gli amici dell’operazione Mato Grosso e dall’associazione Don Bosco 3A onlus con i patrocini della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze, del Comune di Scandicci e del Consulado generale del Perù en Florencia. Con le due iniziative in America Latina viene presentato a Scandicci il lavoro di artigianato nelle missioni.

Con la Mostra d’arte sono esposti al Castello dell’Acciaiolo mobili, vetrate, sculture e maglieria, il venerdì dalle 15,30 alle 20 e il sabato e la domenica in orario 10-20; l’inaugurazione è sabato 24 ottobre alle 11.

La mostra e la sfilata di Arte e carità seguono il primo appuntamento del 27 settembre con il concerto di pianoforte del Maestro Michele Campanella nell’Auditorium di piazza della Resistenza, che ha riscosso un grande successo di pubblico.

Il ricavato di tutte le iniziative viene destinato a favore delle oltre cento missioni fondate in America Latina dal Padre salesiano Don Ugo De Censi, partito per il Perù a 52 anni dopo una lunga attività con tanti giovani e famiglie che lo hanno aiutato ad animare l’Operazione Mato Grosso. “Negli anni vissuti in Italia” dicono gli organizzatori, “Padre Ugo ha cercato di far emergere sempre più le vere tensioni che animano i giovani, il che ha contribuito a dare all’operazione Mato Grosso una caratteristica profondamente educativa, oltre che di concretezza nell’impegno per i poveri”.

Sulla Sierra andina peruviana, a 3400 mt. di altezza, costruite e seguite dai volontari dell’operazione Mato Grosso, ci sono attualmente oltre 100 missioni che offrono gratuitamente servizi importanti, come quelli educativi (oratori, scuole di formazione professionale per falegnami, scultori, restauratori, magliaie e maestri), sociali (acque potabili, canali di irrigazione, strade, scuole, centrali elettriche, agricoltura ed allevamenti), della salute (costruzione e gestione di ospedali e di ambulatori sanitari dei poveri e scuole per infermieri), assistenza all’infanzia (orfanotrofi e case di accoglienza per bambini abbandonati).

Per informazioni 338.9685130 e 347.5532808.

a cura dell’ufficio stampa

Elisabetta Mereu

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: