Alla Cantina di Fonterutoli una degustazione a sostegno di ANT

Il 14 aprile, nei pressi di Castellina in Chianti, sarà organizzata la visita guidata con assaggio di vini a sostegno della più ampia realtà non profit per l’assistenza domiciliare ai malati di tumore

Tartufi Calugi Verticale

Torna per il terzo anno consecutivo la visita guidata con degustazione a sostegno di Fondazione ANT alla Cantina di Fonterutoli, luogo magico che domina dall’alto la tenuta Marchesi Mazzei e le pendici della campagna che guardano Siena, a pochi chilometri da Castellina in Chianti.

Domenica 14 aprile sarà possibile visitare la cantina iscrivendosi ad uno dei tre gruppi previsti alle 12:00, alle 15:00 e alle 17:00 e l’intero ricavato dell’iniziativa servirà a sostenere l’operato di Fondazione ANT. I posti disponibili in ogni gruppo sono 40 e i vini compresi nella degustazione saranno 3.

Il luogo si distingue per classica contemporaneità nello stile, nelle funzioni e negli spazi. La cantina – che appare all’improvviso senza che si infranga quell’equilibrio armonico tra natura, territorio e borgo antico –  domina dall’alto la tenuta e le pendici della campagna che guardano Siena, ma è in profondità che batte il suo cuore; accoglie il visitatore e lo invita in un percorso di stupore in crescendo, arrivando al piano più basso, dove la barricaia, a 15 metri di profondità, suscita tutta l’emozione di uno spazio quasi sacro e inviolabile.

Per partecipare all’iniziativa è obbligatorio prenotarsi al numero 055-5000210 o scrivendo a livia.seravalli@ant.it. L’offerta minima per l’iniziativa sarà di 22 euro per gli adulti. L’ingresso sarà invece gratuito per i ragazzi fino ai 12 anni.

La cantina è situata in Via Ottone III di Sassonia n.5, in Località Fonterutoli, a Castellina in Chianti.

Tutti i fondi raccolti saranno devoluti a sostegno delle attività che ANT svolge in Toscana e in particolare al programma di prevenzione oncologica gratuita organizzato da Fondazione ANT nel 2019 a Siena e Provincia, attraverso il Progetto Melanoma.

Fondazione ANT Italia Onlus Nata nel 1978 per opera dell’oncologo Franco Pannuti, dal 1985 a oggi Fondazione ANT Italia ONLUS – la più ampia realtà non profit per l’assistenza specialistica domiciliare ai malati di tumore e la prevenzione gratuite – ha curato circa 130.000 persone in 11 regioni italiane (Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Toscana, Lazio, Marche, Campania, Basilicata, Puglia, Umbria). Ogni anno 10.000 persone vengono assistite nelle loro case da 20 équipe multi-disciplinari ANT che assicurano cure specialistiche di tipo ospedaliero e socio-assistenziale, con una presa in carico globale del malato oncologico e della sua famiglia. Sono complessivamente 520 i professionisti che lavorano per la Fondazione (medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, operatori socio-sanitari etc.) cui si affiancano oltre 2.000 volontari impegnati nelle attività di raccolta fondi necessarie a sostenere economicamente l’operato dello staff sanitario. Il supporto offerto da ANT affronta ogni genere di problema nell’ottica del benessere globale del malato.

A partire dal 2015, il servizio di assistenza domiciliare oncologica di ANT gode del certificato di qualità UNI EN ISO 9001:2008 emesso da Globe s.r.l. e nel 2016 ANT ha sottoscritto un Protocollo d’intesa non oneroso con il Ministero della Salute che impegna le parti a definire, sostenere e realizzare un programma di interventi per il conseguimento di obiettivi specifici, coerenti con quanto previsto dalla legge 15 marzo 2010, n. 38 per l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. ANT è inoltre da tempo impegnata nella prevenzione oncologica con progetti di diagnosi precoce del melanoma, delle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie. Dall’avvio nel 2004 sono stati visitati gratuitamente 170.000 pazienti in oltre 80 province italiane. Le campagne di prevenzione si attuano negli ambulatori ANT presenti in diverse regioni, in strutture sanitarie utilizzate a titolo non oneroso e sull’Ambulatorio Mobile – BUS della Prevenzione.

Il mezzo, dotato di strumentazione diagnostica all’avanguardia (mammografo digitale, ecografo e videodermatoscopio) consente di realizzare visite su tutto il territorio nazionale. ANT opera in Italia attraverso 120 delegazioni, dove la presenza di volontari è molto attiva. Alle delegazioni competono, a livello locale, le iniziative di raccolta fondi e la predisposizione della logistica necessaria all’assistenza domiciliare, oltre alle attività di sensibilizzazione. Prendendo come riferimento il 2017, ANT finanzia la maggior parte delle proprie attività grazie alle erogazioni di privati cittadini (28%) e alle manifestazioni di raccolta fondi organizzate (25%) al contributo del 5×1000 (15%) a lasciti e donazioni (12%). Il 15% di quanto raccoglie deriva da fondi pubblici. Uno studio condotto da Human Foundation sull’impatto sociale delle attività di ANT, ha evidenziato che per ogni euro investito nelle attività della Fondazione, il valore prodotto è di 1,90 euro. La valutazione è stata eseguita seguendo la metodologia Social Return on Investment (SROI). ANT è la 9^ Onlus nella graduatoria nazionale del 5×1000 nella categoria del volontariato. Fondazione ANT opera in nome dell’Eubiosia (dal greco, vita in dignità).

Enjoy Chianti

redazione rossorubino

View posts by redazione rossorubino
La redazione di rossorubino.tv aggiorna quotidianamente il webmagazine con notizie dalla Toscana
Scroll to top
Fondazione Firmo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: