A Scarperia la prima disfida del tortello

Venerdì 17 Maggio una dura e golosa battaglia per eleggere il più bravo a preparare il piatto simbolo del Mugello

Storica Fattoria Palagiaccio

Tortelli, tortelli!

Oh cosa squisita!

Voi date la vita: 

Officina dei Saponi

Il mondo non ha

di voi, né averà 

conforti più belli!

TORTELLI, TORTELLI!

Cantati così da Giovanni Battista Fagiuoli nel 1733, i tortelli, nella versione mugellana, saranno protagonisti di una spietata quanto attraente disfida che si terrà venerdì 17 maggio nel Palazzo dei Vicari di Scarperia.

Per la prima volta, cuochi del territorio si sfideranno nella preparazione di questo che si può senz’altro definire il piatto simbolo della gastronomia mugellana. Il tortello mugellano è per lo più quadrato e la ricetta base prevede un ripieno di patate, aglio, prezzemolo e noce moscata (quest’ultima viene esclusa da alcuni). Secondo lo storico Tebaldo Lorini si diffuse verso la fine dell’800 nella fascia appenninica del Mugello, dalle frazioni di Ponzalla fino a San Godenzo. Non difficile ma lungo da preparare, oggi il tortello mugellano è servito molto più nelle trattorie che in casa.

La disfida che si terrà venerdì è stata organizzata dall’Associazione Cuochi Fiorentini con il patrocinio della Regione, del Comune di Scarperia e San Piero, la Pro Loco di Scarperia, l’Unione dei Comuni mugellani, Vetrina Toscana e in collaborazione con l’Aset (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana). Costituirà il momento certo più atteso, ma non l’unico della giornata. Che inizierà la mattina alle 10.30 con una conferenza sul tortello. Vi parteciperanno tra gli altri alcuni professori universitari, docenti dell’Alberghiero Chino Chini di Borgo S. Lorenzo, esponenti di associazioni come Coldiretti e Slow Food.

«L’appuntamento – spiega il presidente dell’Associazione Cuochi Fiorentini,Massimiliano Catizzone – è un momento di approfondimento gastronomico e culturale su uno dei prodotti tipici del Mugello, riconosciuto a livello internazionale come un’eccellenza del made in Tuscany. Tanti chef del territorio hanno aderito e siamo sicuri che questa manifestazione possa essere un volano di sviluppo importante per l’intera zona».

Atrio del Palazzo dei Vicari, Scarperia

Tra le 14.30 e le 16.30 si svolgerà la battaglia vera e propria. Chef blasonati realizzeranno e presenteranno la loro personale interpretazione del tortello di patate. A valutarli, una giuria composta da enogastronomi, chef, giornalisti. La presiederà Roberto Lodovichi, presidente dell’Unione Regionale Cuochi Toscani. Al vincitore, un’opera dell’orafo artigiano Paolo Penko.

Durante la giornata sono in programma esibizioni di sbandieratori e, sotto due gazebo nell’atrio del Palazzo dei Vicari, una mostra mercato – somministrazione compresa – di prodotti tipici del territorio. Ultimi ma non per importanza, i cooking show degli chef stellati, inclusi Maria Probst de “La Tenda Rossa” di Cerbaia e Antonello Sardi della Tenuta “Le Tre Virtù” a Scarperia.

Media partner dell’evento sono TeleIride, OkMugello, Gola Gioconda e Il Forchettiere.

 

 

 

eChiantiShop

Paolo Marini

View posts by Paolo Marini
Scrittore, blogger, attivo divulgatore culturale in particolare su argomenti storici e/o artistici.
Scroll to top
Fondazione Firmo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: