A Palazzo Pretorio di Prato fine settimana di incontri e musica

Si chiude "Punti di vista" con l’ultimo appuntamento con Benedetti e Bartolini mentre torna "Museo Live" che riparte con il cantautore Lorenzo Guidi

Grandi numeri per Punti di vista, la rassegna che racconta le opere di Palazzo Pretorio attraverso le sensibilità di artisti pratesi. Sabato 23 febbraio, alle 16.30, ultimo appuntamento con Stefano Benedetti che ha scelto di ‘raccontare’ il bassorilievo sepolcrale che Lorenzo Bartolini realizzò nel 1820 circa per il generale Thomas Wilson Patton.

Grande successo, si diceva, per un ciclo di incontri con oltre 400 ospiti nei sette incontri che ha incuriosito e appassionato il pubblico esplorando la collezione con modalità inedite e una lettura originale. Nell’ultima data Stefano Benedetti parlerà del bassorilievo di Bartolini, scelto fra le molte opere dell’artista di cui il Museo conserva un numero significativo  fra sculture, gessi e modelli.

“Nel bassorilievo ho intuito la temperie delle contraddizioni della ricerca artistica – anticipa Benedetti – L’ispirazione formale bartoliniana tra neoclassicismo, romanticismo e purismo, l’orgoglio e il disagio, le inquietudini e le aspirazioni.” L’appuntamento è a ingresso libero e si svolge nelle sale a piano terra. Punti di vista è a cura della conservatrice Rita Iacopino con la collaborazione Franco Bertini, Carlo Palli e Piergiorgio Fornello.

Per una rassegna che si conclude una riparte con slancio uscendo dai confini pratesi e allargando la partecipazione ai giovani cantautori toscani. Domenica 24 febbraio, ore 18.30, Museo Live propone il concerto di Lorenzo Guidi per un nuovo appuntamento con la musica in dialogo con le opere e il pubblico. In occasione di Museo Live il Pretorio resterà eccezionalmente aperto fino alle 21.30 per dare l’opportunità di visitare la collezione permanente concluso il concerto.

Lorenzo Guidi entra nel mondo della musica fondando il suo primo gruppo, Haze, nel 2011; la band arriva a una svolta sonora nel 2017, non solo cambio di formazione e nome, che diventa ‘Indigo Lawn’, ma c’è una maturazione e una presa di consapevolezza sul piano musicale e artistico con proposte di brani riarrangiati in chiave blues-jazz. Nel frattempo Lorenzo si dedica alla composizione solista, dando fiato al lato pop-cantautorale, fra le principali fonti di ispirazione Baustelle, Marta sui Tubi e altri artisti della scena indie italiana moderna.

Museo Live è una rassegna promossa da Palazzo Pretorio in collaborazione con Capanno 17 e CoopCulture.

redazione rossorubino

View posts by redazione rossorubino
La redazione di rossorubino.tv aggiorna quotidianamente il webmagazine con notizie dalla Toscana
Scroll to top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: