Home » Ultimi Articoli » Vernaccia di San Gimignano, l’anteprima 2018 conferma il vitigno autoctono per eccellenza
Vino

Vernaccia di San Gimignano, l’anteprima 2018 conferma il vitigno autoctono per eccellenza

[cml_media_alt id='6597']La Gioconda il mistero dell'identità svelato da una storia d'amore[/cml_media_alt]

La vendemmia 2017 si è chiusa con il dato più basso degli ultimi 50 anni, e nella seconda estate più calda di sempre la Vernaccia di San Gimignano si rivela vitigno autoctono per eccellenza.

Letizia Cesani

“La Vernaccia, vitigno bianco ha sofferto la siccità meno del Sangiovese” – racconta Letizia Cesani, presidente Cosorzio della Vernaccia di San Gimignano – “abbiamo comunque perso una bottiglia su dieci, ma crediamo di poter affrontare in mercati in tranquillità.”

Molti buyer presenti all’anteprima di San Gimignano in particolare dai paesi scandinavi e dall’oriente, risultato importante per la denominazione e per i produttori, sempre in crescita anche nel numero.

“I produttori vedono una prospettiva” – racconta Stefano Campatelli, direttore Cosorzio della Vernaccia di San Gimignano – “quindi cercano di inserirsi nel mercato. Molti sono giovani e questo per noi è strategico, proprio perché la denominazione possa in prospettiva diventare sempre più importante.”

Nonostante l’annata difficile tutti i vini i rassegna preservano una ottima qualità, con spiccati profumi classici del vitigno.

“La 2017 è una annata molto interessante” – racconta Paolo Cepollaro, Bibenda – “vini tutti molto corretti e ben fatti, ai limiti della perfezione”

“Ci sono alcuni vini che spiccano su altri” – racconta Alessandra Piubello, giornalista – “confido che con il tempo e l’affinamento questo numero possa aumentare sensibilmente.”

“C’è un gruppo di produttori che ogni anno riesce a produrre un vino ottimo” – racconta Filippo Bartolotta, filippobartolotta.com – “che ha tracce minerali molto intense, tocco sapido e questo frutto di limoni e lime molto rinfrescante, scattante”

“Molto bravi i produttori a tenere la freschezza del naso” – racconta Leonardo Romanelli, giornalista – “con profumi accattivanti e piacevoli, e poi un’ottima salinità. In effetti quello che è il concetto del classico è tutto presente.”

La Vernaccia si conferma punto d’eccellenza di una storia millenaria che la città di San Gimignano incarna ancora oggi.

“La Vernaccia è il distillato di un lavoro lungo che anno dopo anno le oltre 130 aziende del territorio producono e mettono in campo.” – racconta Giacomo Bassi, Sindaco di San Gimignano – “Con le loro tecniche ormai consolidate, ma anche con un forte approccio all’innovazione, per produrre un vino antichissimo con il massimo della tecnologia.”

Anteprima 2018, Sala Dante

Daniele Cernilli è stato il protagonista della degustazione guidata in sala Dante, 6 vernacce e 6 vini bianchi italiani, un ritorno in patria per la doc di San Gimignano.

“Una iniezione di fiducia, un rafforzamento delle nostre capacità e possibilità” – racconta Letizia Cesani – “e l’invito a crederci che ci possiamo confrontare ad altissimo livello, come protagonisti del vino bianco Italiano.”

[cml_media_alt id='6597']justbeautiful_F.I.R.M.O.[/cml_media_alt]

About the author

Milko Chilleri

Giornalista e VideoReporter, i miei primi compagni il video e la musica, mixati alla certezza che il suono e l'immagine riescono a parlare con tutti.

i video più belli

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 447 iscritti.

EnglishItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi