Home » Ultimi Articoli » Un dono di seta per Papa Francesco
Archivio

Un dono di seta per Papa Francesco

In occasione della visita a Firenze di Papa Francesco, Maria Cristina de Montemayor, editore della rivista “MCM La Storia delle Cose”, si è fatta promotrice della realizzazione dei doni per il Santo Padre da parte di alcuni esponenti dell’Artigianato d’Arte Fiorentino.

La “Fondazione Arte della Seta Lisio” – onorata di questo importante invito –  ha pensato di fare dono al Santo Padre di una testimonianza della maestria e del lavoro tessile fiorentino:  un Evangeliario ricoperto con un pregiato Velluto in pura seta, tessuto a mano su un telaio Jacquard di fine Ottocento, e abbinato con una scatola creata appositamente e rivestita dal Fondo Broccato Veronese, anch’esso in pura seta. I disegni dei tessuti, velluto e broccato, provengono dall’Archivio Storico della Lisio.

[cml_media_alt id='4519']justbeautiful_papafrancesco_1[/cml_media_alt]

In questa circostanza viene presentata per la prima volta una nuova creazione della manifattura:  il velluto cesellato sfumato laminato d’oro “Palio”. La tradizione dei “velluti sfumati” che Giuseppe Lisio mise in produzione negli anni venti e trenta del Novecento, continua con questa nuova versione del “Palio”.

[cml_media_alt id='4521']justbeautiful_papafrancesco_3[/cml_media_alt]

La particolarità del nuovo tessuto è il pelo del velluto che ha una sfumatura a specchio, creata dalla mescolanza di tinte diverse, sapientemente distribuite su 820 rocchetti in tutta l’altezza di 60 cm. Il risultato del lungo studio effettuato per la preparazione del telaio è un velluto nel quale la superficie a rilievo e a più altezze – data dalla combinazione di ciuffi di pelo tagliato e ciuffi di pelo riccio – cambia di colore in un passaggio graduale di tonalità diverse.  L’effetto pittorico è esaltato dalla lucentezza della seta e dai riflessi dell’oro che copre il fondo con uno straordinario risultato che dà ad un tessuto tipico della tradizione rinascimentale fiorentina una moderna variante. Il lavoro di rilegatura e la confezione della scatola progettata per l’occasione, è stato eseguito dalla «Giulio Giannini & Figlio», storica bottega fiorentina dal 1856.

fonte, ufficio comunicazione Fondazione Lisio

adv

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 1.671 iscritti.

EnglishItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi