Home » Ultimi Articoli » Tano Festa, “su carta 1960-67” alla Galleria il Ponte
Archivio

Tano Festa, “su carta 1960-67” alla Galleria il Ponte

[cml_media_alt id='6597']La Gioconda il mistero dell'identità svelato da una storia d'amore[/cml_media_alt]

In occasione dell’apertura di Nascita di una Nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano a Palazzo Strozzi e in contemporanea con la mostra Aldo Mondino: quadrettature e non solo 1963-72 la galleria Il Ponte presenta nel suo spazio lounge un nucleo di opere su carta ed una tavola (Particolare da Michelangelo, 1964) di Tano Festa, realizzate fra il 1960 ed il 1967.

I lavori su carta svelano, più nitidamente delle sue celebri opere su tela o su legno coeve, quanto sia riduttiva l’etichetta “pop” attribuitagli fin dagli anni Sessanta, quale esponente della cosiddetta “Scuola di Piazza del Popolo”. Il tema centrale del suo lavoro, infatti, non è il consumismo di immagini nella società di massa, ma la sfida contro la dissoluzione che egli attua utilizzando il tempo della fotografia e soprattutto il tempo della Storia.

Per Festa l’opera su carta è perimetro, schermo, inquadratura di un dettaglio concepita come un’occlusione, finanche più estrema di quella sottesa dalle Finestre, dalle Persiane e dagli Armadi chiusi da lui realizzati dal 1962. La tradizionale pittura quale finestra aperta sul mondo, su carta diviene con maggior evidenza una finestra chiusa su se stessa, o meglio, un frame fotografico che, con la sua fissità, trasforma ciò che inquadra in cieca immagine bidimensionale e soprattutto la cristallizza nel tempo per garantirne l’eternità.

La dimensione temporale a cui Festa è più interessato è quella della Storia: egli concepisce l’opera quale testimonianza, prodotto e cimento della memoria culturale collettiva. L’utilizzo di immagini culturali anziché commerciali da lui intrapreso nel 1963, sembra nascondere una ragione ben più profonda: appropriarsi di elementi di opere d’arte del passato significa congelarle contro il tempo e la dissoluzione. Le sue citazioni dalla storia dell’arte sono doppi del reale e pertanto riconoscibili, ma attraverso l’intervento pittorico, disegnativo o a collage dell’artista, sembrano altre da sé, apparenze ambigue, veicoli di rivelazione della dimensione metafisica celata al di là del fisicamente visibile.

Tutte le opere esposte sono archiviate dall’Archivio Tano Festa

[cml_media_alt id='6597']justbeautiful_F.I.R.M.O.[/cml_media_alt]

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 452 iscritti.

EnglishItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi