Home » Ultimi Articoli » Grande tavola a tempera di Pietro di Chellino restaurata ‘in diretta’
Good News

Grande tavola a tempera di Pietro di Chellino restaurata ‘in diretta’

[cml_media_alt id='6597']La Gioconda il mistero dell'identità svelato da una storia d'amore[/cml_media_alt]

“Restauro in diretta”, fino a settembre, nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze (via Bufalini, 6 – Tel. 055 5384001- Ingresso libero), di una grande tavola a tempera di Pietro di Chellino (Firenze, 1383 – 1459), pittore del Gotico internazionale, il periodo di transizione tra Gotico e Rinascimento.

L’opera, che raffigura una Incoronazione della Vergine, è di proprietà della Fondazione stessa e non è mai stata esposta al pubblico. Misura quasi due metri di larghezza (cm 144 x 199) ed è stata influenzata da alcuni dei maggiori artefici della tradizione toscana di fine Trecento, tra cui Agnolo Gaddi e Spinello Aretino. Il dipinto, di incerta datazione, aveva già subito un primo restauro negli anni ’60 e oggi risente inevitabilmente del passare del tempo. In particolare, sono l’equilibrio del supporto ligneo, le fessurazioni nel corpo della tavola e la pigmentazione della pellicola pittorica a richiedere l’intervento di professionisti qualificati, onde preservare la monumentale opera.

E’ stato così deciso, in accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, e considerando l’interesse suscitato nelle precedenti edizioni del 2012 e del 2015, di utilizzare per la terza volta la formula del ‘Restauro in diretta’ che consente al pubblico di seguire in tempo reale le varie fasi dell’intervento in una specie di ‘Cantiere di restauro’ allestito nella Sala delle Colonne collocata a piano terreno della sede della Fondazione. Coordinato da Claudio Paolini, come responsabile del procedimento, condotto da Alberto Dimuccio per il restauro del supporto ligneo e da Muriel Vervat per il restauro della superfice pittorica, il lavoro, con il supporto diagnostico di Susanna Bracci e Marcello Picollo del CNR, ha coinvolto la ditta Apice per la movimentazione e Iris costruzioni per l’allestimento tecnico con la logistica curata da Luca Bigazzi.

Una volta concluso l’intervento, l’opera, assieme ad otto capolavori di Pietro Annigoni, anch’essi di proprietà della Fondazione CRF, sarà esposta alla prossima edizione della Biennale Internazionale dell’Antiquariato nella mostra Un incontro tra gotico e contemporaneità: Pietro di Chellino e Pietro Annigoni. L’evento si inserisce nelle manifestazioni per i 25 anni della Fondazione CRF.

[cml_media_alt id='6597']justbeautiful_F.I.R.M.O.[/cml_media_alt]

i video più belli

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 447 iscritti.

EnglishItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi