In relazione alla ripresa delle attività educative verso le scuole del territorio promosse dal Museo Casa Masaccio Centro per l’Arte Contemporanea, fino a domenica 5 marzo sarà nuovamente possibile visitare in Casa Giovanni Mannozzi, Casa Masaccio: geografie nel tempo, a cura di Desdemona Ventroni.

L’esposizione si delinea come un percorso incentrato sul tema del paesaggio, inteso come soggetto ricorrente in numerosi dipinti provenienti dalle prime edizioni del Premio Masaccio (datati tra la fine degli anni Cinquanta e la seconda metà degli anni Sessanta), ma anche come oggetto di indagine di opere più recenti, realizzate per il Museo da artisti del territorio e da giovani artisti italiani e internazionali.

Le evocazioni e le trasfigurazioni pittoriche della campagna, dei centri abitati e delle fabbriche del Valdarno, così come degli oggetti quotidiani e delle figure umane che assumo sembianze evanescenti o rivelano fattezze architettoniche, fanno da contrappunto in mostra alle visioni e alle presenze delle opere collegate al Premio Masaccio del 1968 e alle acquisizioni successive, tra cui spiccano alcuni esemplari afferenti alla raccolta di stampe d’artista del Museo.

Gli accostamenti e le combinazioni tra le opere scelte per quest’ultima esposizione fanno affiorare una trama virtuale di immagini, una geografia stratificata di luoghi che attraversa idealmente il passato e il presente, per descrivere quasi sessant’anni di trasformazioni storiche, economiche e culturali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: